Home > Webzine > Concerto di beneficenza al Puccini in sostegno della ''Città della Scienza'' di Napoli
giovedì 21 novembre 2019

Concerto di beneficenza al Puccini in sostegno della ''Città della Scienza'' di Napoli

19-02-2014

"Perchè la scienza?...perchè la scienza è di tutti"; sono le parole di Margherita Hack lo slogan principale del concerto benefico, inserito all'interno del progetto Pulsazioni, per la Città della Scienza di Napoli che si terrà Venerdì 21 Febbraio al Teatro Puccini di Firenze (ore 21.00) e presentato questa mattina alla Provincia di Firenze
Il concerto sarà caratterizzato da una kermesse musicale durante la quale si esibiranno gruppi fiorentini e artisti internazionali con la conduzione affidata a Daniela Morozzi. Tra i gruppi spiccano i Mediterranea(come detto organizzatori, tramite l'omonima associazione, dell'evento), gli Stardust un gruppo di giovani pop rock fiorentini vincitori di diversi contest, Le Musiquorum che si esibiranno in canzoni popolari fiorentine, i Killer Queen la Tribute Band Ufficale in Italia dei Queen, il trio jazzista composto da musicisti di fama internazionale come Leonardo del Lorenzo, Filippo Pedol( già presente in diversi tour di Giovanni Allevi) e Riccardo Galardini, chitarrista di Ivano Fossati.
Non solo gruppi, ma anche esibizioni singole: Come quella di Numa, artista rock e personalità poliedrica, come quella di Juan Lorenzo uno dei più famosi musicisti di flamengo, come quella di Elena Presti attrice televisiva e ballerina. Il tutto alternato a letture, intermezzi musicali che porteranno alla jam session finale sulle note di Don Raffaè di Fabrizio De Andrè.
L'altra grande iniziativa connessa alla rappresentazione musicale è il "Mattone fiorito",opera ideata dall'artista fiorentina Paola Lucchesi. Un mattone dalla forma classica al cui interno però sono inseriti semi di piante commestibili che germogliano in pochi i giorni. L'allusione al mattone è ideata soprattutto in chiave simbolica: mattone come emblema della rinascita, della speranza di riuscire a ottenere risultati da una buona coltivazione. In senso traslato la volontà di ricostruzione, mattone dopo mattone appunto, della Città della Scienza, luogo  di riferimento non solo per la città di Napoli ma in generale per il patrimonio artistico italiano, la volontà di insegnare attraverso la solidarietà e la sensibilità  il culto della legalità e dire no a tutte quelle forme che cercano di opprimere la parte forse più indifesa del nostro mondo, la cultura.
I fondi raccolti saranno consegnato, con una cerimonia pubblica, al Comune di Napoli ed al Presidente della città della Scienza in occasione dell'analogo spettacolo che si terrà il 4 Marzo nella città partenopea.

di Duccio Mazzoni