Home > Webzine > ''1970. Afghanistan: incontro tra i viaggiatori degli anni 70'' alla Limonaia di Villa Strozzi
domenica 04 dicembre 2022

''1970. Afghanistan: incontro tra i viaggiatori degli anni 70'' alla Limonaia di Villa Strozzi

16-05-2014

Venerdì 16 maggio 2014, alle ore 21.00, alla Limonaia di Villa Strozzi a Firenze (via Pisana)appuntamento con "1970. Afghanistan: incontro tra i viaggiatori degli anni '70".
L’incontro nasce dalla pubblicazione, nella rivista online “Erodoto 108 - Viaggio a Oriente”, dell’articolo di Isabella Mancini sull’Afghanistan, in cui Bruno Casini racconta del suo viaggio in Afghanistan nel ’75 e della successiva pubblicazione del volume “1975: viaggio in Afghanistan”.
Parteciperanno con le proprie testimonianze dirette alcuni viaggiatori che si sono recati in questa terra nel periodo su cui verte l'intera discussione:
- Uberto Bini
- Stefano Lapi
- Silvia Marilli
- Cesare Dagliana (negli anni ’80 ha immortalato il rock fiorentino, dai Litfiba ai Diaframma)
- Bruno Casini
- Alessandro Agostinelli (direttore del Festival del Viaggio - Firenze).

L’Afghanistan meta dei viaggiatori degli anni ’70, nel corso degli anni ha subito diverse trasformazioni. Proprio in questi giorni le statue di Bamiyan che vennero distrutte dai Taliban 13 anni fa, e che negli anni ’70 avevano affascinato i viaggiatori, sono tornate al centro dell’interesse. Il Paese vorrebbe ricostruirle, mentre l’Unesco è contrario. Dopo essere stati l’immagine da cartolina di un Afghanistan intatto, gli antichi Buddha di Bamiyan sono diventati il simbolo del fanatismo religioso dei Taliban. Oggi, a tredici anni dalla distruzione, i Paesi che si erano impegnati a finanziare il restauro ritengono che il luogo debba essere lasciato così com’è. Il governo afgano, vorrebbe invece che almeno una delle due statue fosse ricostruita. Il dibattito ha coinvolto anche l’Unesco, che dieci anni fa aveva  nominato un gruppo di esperti per decidere il destino del luogo. Per ora ha la meglio la fazione conservazionista: i Buddha di Bamiyan e la zona che li circonda sono stati designati dall’Unesco “Patrimonio mondiale dell’umanità”, e in quanto tale qualsiasi eventuale modifica deve essere sottoposta ad approvazione.

Coordina l’incontro la giornalista Isabella Mancini
Ingresso libero.

Per informazioni: www.officinecreative.fi.it

EP