Home > Webzine > La Fiorentina torna a fare sul serio, al via il ritiro di Moena
giovedì 21 novembre 2019

La Fiorentina torna a fare sul serio, al via il ritiro di Moena

08-07-2014

Ci siamo davvero. Dopo la presentazione delle nuove maglie e le visite mediche, la Fiorentina è pronta per iniziare il ritiro di Moena. Mercoledì 9 luglio la partenza per la Val di Fassa. Ad eccezione di Cuadrado, Rebic e Aquilani, Montella avrà tutti i suoi uomini a disposizione. Saranno più di trenta i giocatori che l'Aeroplanino si troverà a gestire, tra esuberi e fine prestiti. Pradè e Macia sono attesi da un duro lavoro di snellimento della rosa viola durante il mercato.

Sarà un ritiro importante per alcuni calciatori. Per Babacar e Bernardeschi, innanzitutto. Il tecnico campano vuole testare i loro miglioramenti con le maglie di Modena e Crotone. Cercherà di mettersi in luce anche Hegazy dopo un biennio all'insegna degli infortuni. Molta curiosità su Tatarusanu. Il portiere romeno partirà alle spalle di Neto, ma fin da subito proverà a far cambiare idea a Montella. Vetrina fondamentale anche per Octavio. Secondo gli "esperti", il brasiliano non sarebbe ancora pronto per il calcio europeo. Starà a lui smentire gli scettici.

Poi, ovviamente, ci saranno i big. Come Rossi e Gomez. Pepito, sbollita la mancata partecipazione ai Mondiali, non vede l'ora di ricominciare alla grande, dopo aver chiuso bene lo scorso campionato, nonostante i cinque mesi di stop. Anche il tedesco ha tanta voglia di rivincita. Fin dai primi test match, formerà la coppia d'oro con l'ex Villareal.

La tecnica e la tattica saranno il filo conduttore degli allenamenti in alta quota. Ben tre le amichevoli in programma in appena undici giorni di ritiro. L'esordio, sabato 12 luglio contro il Team Trentino, poi martedì 15 con la Fiorita San Marino, infine sabato 19 con l'Ael Kalloni. Sono cambiati i tempi in cui il pallone restava un “miraggio” per (almeno) la prima settimana di lavoro. Ovviamente, non mancherà la parte atletica, ma non sarà quella predominante. Insomma, Montella avrà le occasioni per fare alcuni “esperimenti”. In fondo, le amichevoli servono proprio a questo. La speranza di tutti è che la Fiorentina possa arrivare all'inizio del campionato con le idee chiare e benzina in corpo.

di Stefano Niccoli