Home > Webzine > Fiorentina-Genoa, Montella: ''Partita complicata. Peccato non avere Rossi e Cuadrado insieme''
lunedì 18 novembre 2019

Fiorentina-Genoa, Montella: ''Partita complicata. Peccato non avere Rossi e Cuadrado insieme''

13-09-2014
Fiorentina alla ricerca della prima vittoria in campionato dopo il ko al debutto contro la Roma all'Olimpico (2-0). Domenica 14 settembre i viola sfidano il Genoa degli ex Roncaglia e Matri (calcio d'inizio alle ore 15.00).
Il tecnico viola Vincenzo Montella ha parlato così dalla sala stampa “Manuela Righini” dello stadio Artemio Franchi di Firenze:

Ci sono le premesse di fare una buona partita contro il Genoa che è una squadra complicata, ha calciatori di buona gamba. Dobbiamo indirizzare la partita sui giusti binari.
Le altre squadra si sono rinforzate, è' iniziato un nuovo campionato, il passato non conta.
Pasqual? E' un giocatore importante per noi per il presente e il futuro.
Sono curioso di iniziare il campionato in casa. Dobbiamo migliorare il nostro cammino, pur mantenendo le nostre caratteristiche di gioco magari aggiungendone di altre di migliori.
Cuadrado lo vedo sereno, si diverte a giocare a calcio, è libero di testa, sono contento sia rimasto con noi.
Gomez? Da lui tutti si aspettano almeno due gol a partita, lui lo sa perché è abituato a giocare ad alti livelli. Non sono preoccupato. Ha bisogno della squadra, non risolve le partite con una giocata estemporanea. Ha voglia di fare bene e di sbloccarsi. Dobbiamo metterlo nelle giuste condizioni negli ultimi venti metri. Ha bisogno di un gol più di altri.
Come sostituire Rossi? Voglio mantenere gli stessi principi di gioco, i moduli passano in secondo piano. Mi piacerebbe giocare sempre con lo stesso schema  ma non è possibile. Qualche volta sono costretto a cambiare, ma questo non comporta uno stravolgimento dei principi di gioco.
Rosa lunga? E' il calcio moderno. Preferisco avere un giocatore in più che in meno. Siamo un gruppo folto quindi delle volte devo fare le sostituzioni anche in allenamento.
Badelj e Kurtic sono disponibili per giocare, Richards è leggermente più indietro. C'è anche Bagadur che è un giocatore molto interessante.
Mi spiace per Brillante per com'è andata a Roma. Può capitare. Non mi piace sostituire un giocatore già nel primo tempo, soprattutto per motivi tattici.
La partita contro il Genoa conta per le nostre motivazioni, ma non solo.
Babacar, Bernardeschi e Ilicic stanno bene, ma è chiaro che tutti non possono giocare.
Cuadrado e Rossi sono diversi, sarebbe stato bello averli insieme. Il colombiano può giocare ovunque.
I nuovi arrivati sono giocatori esperti e possono ancora migliorare tanto.
Quanto incide l'assenza di Rossi sui nostri obiettivi? Pepito è un valore che viene a mancare, ma la sua assenza non deve essere un alibi. I più esperti si devono sentire più responsabilizzati.
Rossi ce l'ho a cuore. E' un ragazzo sfortunato sul piano degli infortuni, deve pensare a recuperare bene, se tornerà a giocare all'80 o al 90 per cento cambia poco.
Matri e Roncaglia? Sono due ragazzi per bene e per questo spero siano riconoscenti verso la Fiorentina   (ride, ndr).
Comunicazione poco efficace della Fiorentina sui report di Rossi? C'è la legge sulla privacy, dobbiamo tenerne di conto”.

di Stefano Niccoli