Home > Webzine > Atalanta-Fiorentina, Montella: “Contro i nerazzurri dobbiamo avere pazienza. Gomez? Non deve dimostrare niente”
mercoledì 20 novembre 2019

Atalanta-Fiorentina, Montella: “Contro i nerazzurri dobbiamo avere pazienza. Gomez? Non deve dimostrare niente”

21-09-2014
Un punto in due partite. Zero gol fatti e due subiti. Una performance non da Fiorentina. Ci vuole uno scatto d'orgoglio. A cominciare dall''ostica trasferta di Bergamo contro l'Atalanta (domenica 21 settembre, ore 18). Perdere altro terreno da Roma, Juventus, Inter e Milan comincerebbe ad essere un problema, anche se siamo all'inizio del torneo. Vietato sbagliare, quindi. Un passo falso con la formazione nerazzurra alimenterebbe ulteriori dubbi nei confronti della squadra viola e di Vincenzo Montella. Il tecnico è stato criticato dalla maggior parte dei tifosi per le sue scelte tattiche.  L'inserimento di Brillante dall'inizio contro la Roma e la sostituzione di Gomez contro il Genoa a più di mezz'ora dalla fine, su tutte. Parlare di crisi sarebbe esagerato, ma un piccolo campanello d'allarme è sicuramente suonato nella testa dei giocatori e dell'Aeroplanino. La vittoria, domenica pomeriggio, serve come il pane. Per smuovere la classifica e ridare il sorriso ad uno spogliatoio non certo al meglio sul piano psicologico. Su quest'aspetto, il successo in Europa Laeague contro il Guingamp è stato una boccata d'ossigeno. Di fronte, però, c'è un'Atalanta in forma e reduce dall'importante vittoria di Cagliari per 2-1. Una squadra priva di campioni, ma che fa dello spirito di gruppo il suo pezzo forte. Gli uomini di Montella si troveranno davanti quel Alejandro Gomez a lungo cercato da Pradè e Macia durante il mercato estivo. L'argentino non ha fatto bene con la maglia del Metalist, in Ucraina ha segnato solo quattro gol (tre in campionato, uno nella coppa nazionale). Non gli mancherà la voglia di tornare protagonista nel nostro campionato, dopo le ottime stagioni a Catania. La Fiorentina dovrà fare massima attenzione al Papu, senza dubbio il giocatore più tecnico e fantasioso dell'Atalanta. Uno speciale occhio di riguardo Gonzalo & co. dovranno darlo anche al “sempreverde” German Denis. Nonostante l'età, il Tanque sa ancora come si fa a segnare. Accanto a lui, Boakye, acquistato dall'Elche. Il giovane centravanti ghanese (classe 1994) ha già timbrato il cartellino in quest'avvio di Serie A, firmando il raddoppio contro il Cagliari.

Dalla sala stampa “Manuela Righini” dello stadio Artemio Franchi di Firenze, le parole di Vincenzo Montella:
La vittoria in Europa League ci ha dato entusiasmo e fiducia. In campionato le cose sono diverse, l'Atalanta è una squadra organizzata e operaia, ma ha giocatori di qualità, ha le armi per vincere con tutte le squadre. I nuovi arrivati hanno fatto vedere le loro qualità, qualcuno è più avanti nella condizione. 
Cerco sempre di mettere una squadra equilibrata in campo, quella che reputo che  mi può regalare i tre punti. Borja Valero è da valutare, insieme ai medici decideremo se convocarlo o meno. Crescerà sul piano fisico.
Aquilani ha parlato in sala stampa e poi non ha giocato? La stessa cosa mi è successo a Roma con Totti. Ci possono essere dei contrattempi. Non dobbiamo parlare della sua situazione contrattuale. Non dobbiamo dire ogni cosa ai giornalisti. Spero di recuperarlo per la partita con l'Atalanta.
Cuadrado sta bene ed è sereno. Spero che il suo aspetto contrattuale non vada per le lunghe.
Gomez? Vivere un momento di poca convinzione ci sta, ma lui non deve dimostrare niente Ogni partita è un test, per lui e per gli altri. Non deve avere troppe responsabilità. Deve pensare a divertirsi. In coppa ha fatto una buona partita, ha tenuto bloccati i difensori centrali del Guingamp.
Brillante ha giocato a Roma perché Aquilani non stava bene e perché non c'erano altri centrocampisti disponibili. Montarsi la testa? Forse qualcuno ha perso le giuste misure. Con i Della Valle ho un rapporto professionale. 
Con l'Atalanta possiamo vincere anche con la pazienza, dobbiamo capire i giusti i momenti. E' una squadra compatta, se i nerazzurri si disuniscono durante la partita dobbiamo essere pronti a colpirli. 
Dobbiamo essere bravi sia a fare possesso palla che a giocare di contropiede. Dobbiamo migliorare su quest'aspetto. 
Bernardeschi? E' un giocatore elegante  e con il senso del gol. Mi piacerebbe crescesse con me. Dobbiamo avere equilibrio con i giocatori giovani, non dobbiamo esagerare nei giudizi, può sbagliare qualche volta nella sua crescita. Credo molto in lui, penso possa fare grandi cose però stiamo calmi con lui. 
Abbiamo pochi giocatori che tirano in porta da lontano, ad eccezione di Aquilani, Kurtic e Cuadrado. 
Kurtic? E' un giocatore completo, devo capire perché non si è espresso in maniera continua in carriera, noi sappiamo quali sono le sue caratteristiche e in cosa deve migliorare”.

Le probabili formazioni:
Atalanta: Sportiello, Zappacosta, Banaloune, Biava, Dramè, D'Alessandro, Cigarini, Carmona, Estigarribia, Boakye, Denis.
Fiorentina: Neto, Tomovi, Gonzalo, Savic, Alonso, Aquilani, Pizarro, Borja Valero, Ilicic, Cuadrado, Gomez.

di Stefano Niccoli