Home > Webzine > Sampdoria-Fiorentina, Montella: ''La Samp non ci farà giocare. Gomez-Babacar insieme? Sono tentato''
lunedì 18 novembre 2019

Sampdoria-Fiorentina, Montella: ''La Samp non ci farà giocare. Gomez-Babacar insieme? Sono tentato''

01-11-2014
Dopo l'Udinese, la Fiorentina se la dovrà vedere con l'altra sorpresa di quest'inizio di campionato: la Sampdoria, domenica 2 novembre alle 15 allo stadio Luigi Ferraris. Quella tra viola e blucerchiati sarà una delle sfide più avvincenti del decimo turno di campionato. I liguri vogliono tornare a sorridere dopo la sconfitta beffa di Milano contro l'Inter. I viola, invece, hanno l'obiettivo di conquistare il terzo risultato utile consecutivo dopo le vittorie con Paok in Europa League e Udinese in Serie A. La formazione di Montella, nonostante il successo contro i friulani, è ancora a metà classifica. Per avvicinarsi alla zona Champions, è necessario avere adesso continuità nelle prestazioni. Fare risultato a Genova, però non sarà facile. Da quando Sinisa Mihajlovic è arrivato alla guida della Sampdoria, la squadra ha cambiato passo e in questa stagione è in lotta per l'Europa che conta.

Nella Fiorentina, Gomez andrà nuovamente in panchina, entrerà a gara in corso, nel caso ci fosse bisogno. In attacco, Babacar. Il centravanti senegalese, autore di una doppietta contro l'Udinese, è sempre più sotto le luci della ribalta, tanto da essere finito – secondo alcuni rumors di mercato – nel mirino del Milan. Il suo probabile compagno di reparto sarà Ilicic, alla ricerca di quella continuità che, purtroppo, non ha mai avuto a Firenze. Ci aspetta di più da Cuadrado. Il colombiano ha sì regalato l'assist a Borja Valero contro Di Natale & co., ma non è ancora ai livelli della scorsa stagione. Il resto della formazione: Neto in porta, difesa a quattro con Tomovic, Gonzalo, Savic e Alonso, centrocampo con Aquilani, Pizarro e Borja Valero.

Dalla sala stampa “Manuela Righini” dello stadio Artemio Franchi di Firenze, le parole di Vincenzo Montella:

Difesa a tre o a quattro? Sono valutazioni che faccio in ogni partita, guardando anche l'avversario e la nostra forma fisica e mentale. Ma la differenza è sottile. La Fiorentina ha fatto bene anche senza il 3-5-2. Ne girone di ritorno della mia prima stagione abbiamo giocato con il 4-3-3. La squadra sa giocare in diversi modi.
Gomez e Babacar li ho già provati insieme in estate, hanno caratteristiche simile. Farli giocare insieme è una possibilità anche perché sono prestanti fisicamente e possono mettere in difficoltà le difese. E' una scelta che mi intriga, ma ancora si conoscono pochissimo.
La Sampdoria ha sorpreso per la sua compattezza, subisce poco. È una squadra pratica con giocatori di temperamento come il suo allenatore, concede poco e sulle palle inattive ha molte opzioni. Sarà difficile prevalere sul piano del gioco per via del campo, ma anche perché la Sampdoria non lascia giocare gli avversari.
Tenere a freno Babacar? E' stato facile anche perché si è tolto un dente (ride, ndr). Sono rimasto sorpreso per il suo equilibrio. Per ora ha fatto poco, c'è chi ha fatto di più alla sua età.
Le visite di Diego Della Valle fanno piacere, vuol dire che apprezza il nostro modo di fare calcio.
Ferrero? Non posso fare paragoni con i Della Valle, mi sta molto simpatico, l'ho conosciuto a Roma. Vedremo se resterà simpatico ai tifosi quando la Samp perderà.
Mihajlovic? Ho grande stima per lui, sul piano personale e professionale. E' un amico.
Non c'è la possibilità di vedere Gomez dall'inizio. Si sta allenando bene e questo mi lascia ben sperare, spero che il suo ritorno dal primo minuto sia vicino.
Terzo posto? Ci sono squadre più competitive. Noi dobbiamo portare avanti i nostri concetti, possiamo limare il gap con le altre squadre.
E' inutile parlare di Rossi, non è a Firenze.
Aquilani? Può giocare davanti alla difesa, ma lo preferisco da mezzala.
Borja Valero? E' un professionista, ha un senso di appartenenza fortissimo, ci sta di avere un calo. Pizarro ha recuperato. Quando non si allena gioca meglio (ride, ndr)”.

Le probabili formazioni:
Sampdoria: Romero, De Silvestri, Silvestre, Romagnoli, Regini, Obiang, Palombo, Soriano, Eder, Okaka, Gabbiadini.
Fiorentina: Neto, Tomovic, Gonzalo, Savic, Alonso, Aquilani, Pizarro, Borja Valero, Ilicic, Cuadrado, Babacar.

di Stefano Niccoli