Home > Webzine > Giuingamp-Fiorentina, Montella: ''Marin pronto per giocare titolare. Vogliamo il primo posto nel girone''
martedì 19 novembre 2019

Giuingamp-Fiorentina, Montella: ''Marin pronto per giocare titolare. Vogliamo il primo posto nel girone''

26-11-2014
Seconda trasferta della settimana per la Fiorentina. Dopo il Verona in campionato, è la volta del Guingamp in Europa League per il quinto turno della fase a gironi della competizione continentale (calcio d’inizio alle 19). I viola affronteranno la squadra bretone con la certezza di aver conquistato il pass per i sedicesimi di finale con due giornate d’anticipo. Basta un punto per avere la sicurezza del primo posto nel Gruppo K. Montella sta pensando a un assetto diverso rispetto a quello visto contro l’Hellas. Molti giocatori riposeranno. Come Gonzalo Rodriguez, David Pizarro e Mario Gomez, non convocati. Al posto del tedesco, ci sarà Khouma Babacar. In avanti dovrebbe essere finalmente arrivato il momento di Marko Marin che, salvo sorprese, potrà esordire con la maglia della Fiorentina da titolare dopo le due apparizioni nel doppio confronto con il Paok Salonicco. A completare il tridente d’attacco, Josip Ilicic. Lo sloveno, dopo i fischi ricevuti dal Franchi nella gara contro il Napoli, deve dare una svolta alla sua stagione. Su di lui ci sono già i primi rumors di mercato. Secondo alcuni media inglesi, l’Aston Villa lo avrebbe messo nel mirino e sarebbe disposto a offrire 3,5 milioni di sterline – circa 4,5 milioni di euro – per l’ex Palermo.

Per quanto riguarda il resto della formazione, Tatarusanu sostituirà Neto in porta. La difesa sarà a quattro con Richards a destra, Tomovic e Basanta nel mezzo, Marcos Alonso a sinistra. Il centrocampo dovrebbe essere a tre con Aquilani, Kurtic e uno tra Lazzari e Badelj. Turno di riposo per Borja Valero. Reparto avanzato, come già scritto, con Marin, Ilicic e Babacar.

Dalla sala stampa dello Stade de Roudourou, le parole di Vincenzo Montella:

“Marin sta crescendo di condizione, è un calciatore importantissimo e domani vedremo quanto minutaggio sarà il caso di fargli fare. Il suo ruolo dipende dai compagni, in questo momento lo vedo come una seconda punta”.
“A Verona ero contento per l’atteggiamento e per il risultato. La squadra era determinata e con voglia di vincere, dobbiamo portare sempre questa mentalità in campionato e in Europa. C’era attesa per questa partita perché la squadra era desiderosa di mostrare il proprio valore. Secondo me è anche questo che ci ha fatto vincere. È una caratteristica che dobbiamo avere sempre”.
“Quando ci sono tre partite in una settimana la gestione del gruppo è particolare, soprattutto quando si gioca in trasferta. Ho lasciato a Firenze alcuni miei collaboratori per lavorare con chi non è partito. Anche l’allenatore si stanca in trasferta”.
“I nuovi acquisti quando sono stati chiamati in causa hanno fatto bene e vengono utilizzati, un po’ in campionato e un po’ in Europa League. Cerco sempre di mettere in campo la squadra migliore in base alle necessità”.
“Tanti cambi di formazione? Non è cambiato il mio pensiero, sono più sicuro nel livello di conoscenza dei miei calciatori”.
“Il Guingamp è una squadra molto aggressiva, che attacca bene con gli esterni, molto forte nel pressare con intensità. Prova a far gioco e corre dei rischi, un po’ assomiglia al Cagliari. Cercheremo di sfruttare i loro punti deboli”.
“Siamo qui per chiudere la qualificazione da primi in classifica. Dobbiamo portare la mentalità di Verona in campionato e in Europa”.

di Stefano Niccoli