Home > Webzine > Fiorentina-Dinamo Minsk 1-2: i bielorussi rovinano la festa viola
mercoledì 21 ottobre 2020

Fiorentina-Dinamo Minsk 1-2: i bielorussi rovinano la festa viola

12-12-2014

La Fiorentina perde per 2-1 al Franchi contro la Dinamo Minsk nell’ultima gara del girone di Europa League e vede rovinati i festeggiamenti per il primo posto ottenuto in questa prima fase della competizione. Il risultato era forse stato messo in preventivo fin dalla vigilia dai tifosi e infatti la squadra è apparsa un po’ svogliata e poco decisa nel cercare la via del gol, anche per risparmiare forze fisiche e mentali in previsione delle ultime due partite di campionato prima della sosta natalizia. Il tecnico Montella ha inserito in campo quasi tutte le seconde linee, schierando Tatarusanu in porta, Gonzalo, Richards e Tomovic in difesa, Badelj, Cuadrado, Vargas, Lazzari e Kurtic a centrocampo, Marin e Gomez in attacco.

L’inizio è equilibrato, ma i padroni di casa appaiono distratti e senza mordente, più preoccupati a fare il minimo indispensabile per arrivare al novantesimo senza subire gol piuttosto che far entusiasmare i tifosi allo stadio. Cuadrado lascia il campo dopo venti minuti e lascia il posto al baby Minnelli, all’esordio in prima squadra. Spesso vengono lasciati spazi e corridoi e alla fine gli ospiti ne approfittano e passano in vantaggio a pochi minuti dall’intervallo con Kontsevoi che aggancia e segna da dentro l’area beffando il portiere viola. Nella seconda frazione il copione è lo stesso: nonostante alcune chiare occasioni da gol qua e là, la Fiorentina stenta ad impegnarsi, producendo sterili azioni che risultano facilmente prevedibili; ad impressionare sono solo Minnelli e Marin, che però predicano nel deserto. Arriva poi il raddoppio delle Dinamo con Nikolic, che conclude un contropiede segnando dal limite dell’area. A quel punto i gigliati sembrano avere un piccolo scatto d’orgoglio e accorciano le distanze grazie alla rete di Marin a cinque minuti dal recupero, per poi terminare la gara in un inutile assedio alla porta avversaria.

Archiviata la questione Europa League fino a febbraio, è di nuovo il momento di concentrarsi sul campionato, con il finale del girone di andata che vedrà i gigliati impegnati in una serie di partite sicuramente abbordabili in ottica tre punti. La prima è domenica 21 dicembre alle ore 18 in trasferta contro il Cesena, appuntamento a cui la Fiorentina arriverà in semi-emergenza nel settore offensivo: mancheranno infatti, oltre agli infortunati di lungo corso Rossi e Bernardeschi, anche lo squalificato Cuadrado e Babacar, alle prese con un problema muscolare.

Matteo Fabiani