Home > Webzine > Giuseppe Rossi, visita medica ok. In campo all'inizio di marzo
mercoledì 28 ottobre 2020

Giuseppe Rossi, visita medica ok. In campo all'inizio di marzo

30-12-2014

Il dottor Singleton ha trovato il ginocchio di Rossi stabile, asciutto e con una buona muscolatura, ma non ancora completa. Ha dato il via libera ai carichi gravitazionali che permetteranno il recupero completo della muscolatura e ha impostato la terza fase, quella sul campo che inizierà a metà gennaio. Prossimo controllo probabilmente a metà febbraio. Il recupero agonistico dell'attività è previsto per l'inizio marzo anche se ci sono dei passaggi intermedi da fare. Sta procedendo tutto per il meglio”. Ha parlato così Paolo Manetti, il dottor della Fiorentina ai microfoni di violachannel.tv sulla visita medica effettuata da Giuseppe Rossi lunedì 29 dicembre a Vail, Colorado. La tabella di lavoro di Pepito prevede adesso cambi di direzione e contrasti.

Il giocatore italo-americano si era fatto male ad agosto, poco prima dell'amichevole di lusso a Varsavia contro il Real Madrid. Lo scorso 5 settembre si era operato in artroscopia dal dottor Singleton. L'esame aveva evidenziato una buona stabilità del legamento crociato precedentemente operato. Dopo una fase riabilitativa tenutasi negli Stati Uniti, Rossi era tornato in Italia il 23 novembre in occasione di Verona-Fiorentina. A Firenze, l'ex Villareal, sempre sotto gli occhi vigili del suo fisioterapista Luke Bongiorno, ha svolto potenziamento muscolare.

Il dottor Manetti ha parlato anche della situazione degli altri infortunati viola.

Su Federico Bernardeschi: “A metà gennaio farà una vista di controllo, in base a questa visita inizierà il lavoro sul campo. Speriamo di guadagnare tempo nella ripresa agonistica finale rispetto ai cinque mesi preventivati”.

Su Cristiano Lupatelli: “Ha eseguito da poco la visita dal dottor Taverna a Milano che ha trovato in buone condizioni la sua spalla, ma è ancora limitata nella extra rotazione. Recupero previsto in tre mesi”.

Su Manuel Pasqual: “E' stata un infortunio importante quello alla giunzione tra tendine e muscolo all'adduttore lungo patito in nazionale. Ha già concluso il percorso di recupero. Ha già ripreso i carichi di lavoro con la squadra. Tentiamo di averlo a disposizione per le prossime partite, a partire da Parma”.

Su Khouma Babacar: “Ha finito il programma di recupero, ma non si è inserito ancora nel gruppo. Lo farà nei prossimi giorni valutando l'evoluzione della lesione di minore entità del bicipite femorale”.

di Stefano Niccoli