Home > Webzine > Il Treno della Memoria da Firenze ad Auschwitz per non dimenticare
giovedì 21 novembre 2019

Il Treno della Memoria da Firenze ad Auschwitz per non dimenticare

19-01-2015

#trenomemoria2015 parte lunedì 19 gennaio dal binario 16 della stazione di Santa Maria Novella a Firenze verso Auschwitz. Dal 2002 ad oggi, sul Treno della memoria hanno viaggiato oltre 5.500 studenti e circa 800 insegnanti, con questa edizione si supera la soglia dei 6mila studenti partecipanti. Quest'anno sono 500 gli studenti degli istituti di istruzione secondaria di secondo grado, 51 gli studenti universitari dei tre atenei toscani, 75 gli insegnanti di 68 istituti secondari insieme a testimoni diretti della Shoa, alle delegazioni in rappresentanza di ebrei, deportati, partigiani e politici, militari, rom e sinti, omosessuali. Tutto l'universo di presunte diversità che il nazismo voleva cancellare dalla faccia della terra usando i campi di sterminio.

Il viaggio, da quando il treno si svolge con scadenza biennale, è la conclusione di un percorso iniziato con la formazione degli insegnanti attraverso la cosiddetta Summer School come quella svoltasi alla Certosa di Pontignano (Siena) dello scorso agosto, che poi formano i loro studenti. L'esperienza è diventata un'opportunità ambita, un traguardo perseguito e atteso da insegnanti e studenti. Un vero e proprio viaggio di formazione che in moltissimi aspirano a compiere. Un'iniziativa che molto ha contribuito a creare in Toscana una memoria pubblica diffusa: è un progetto rivolto alla scuola, ma che coinvolge tutta la società. Dopo 13 anni questa esperienza è riconosciuta come un'esperienza esemplare. E la Toscana è ormai l'unica Regione che continua a sostenere un'iniziativa di tale natura in queste forme e dimensioni.Un bagaglio di esperienza che i giovani e meno giovani riporteranno dal viaggio e che servirà loro a capire perché oggi al centro delle posizioni xenofobe del nostro Paese ci sono gli immigrati ed i Rom, perché l' antisemitismo serpeggia ancora in Europa; li aiuterà a mettersi in guardia dalle derive dell' intolleranza, del fondamentalismo, del principio di gerarchia fra le persone, i generi, i popoli, le religioni.

Il Treno della memoria è organizzato dalla Regione Toscana in collaborazione con il Museo della Deportazione e Resistenza di Prato, con tutte le Province, il Comune di Firenze e l'Ufficio scolastico della Toscana.

Info: www.regione.toscana.it



di Lorenzo Ciucci