Home > Webzine > Juventus-Fiorentina 1-2: Salah firma l’impresa viola
giovedì 21 novembre 2019

Juventus-Fiorentina 1-2: Salah firma l’impresa viola

06-03-2015

Un’altra notte da ricordare per la Fiorentina, che ha vinto 2-1 in trasferta contro la storica rivale Juventus nell’andata della semifinale di Coppa Italia, creando un buon punto di partenza in vista della gara di ritorno che si giocherà tra circa un mese. Una prestazione di grinta e cuore, con la squadra viola che ha tenuto testa agli avversari giocandosela dal primo all’ultimo minuto alla pari e che ha messo ancora una volta in risalto il neoacquisto Salah, autore della doppietta che ha portato alla vittoria. I gigliati sono arrivati all’appuntamento con l’infermeria piena: out infatti Babacar, Savic, Tomovic e Pizarro, mentre si accomodano in panchina gli acciaccati e non pienamente recuperati Valero, Aquilani e Pasqual. Il tecnico Montella ha schierato Neto in porta, Alonso, Basanta, Rodriguez e Richards in difesa, Kurtic, Badelj e Fernandez a centrocampo, Salah, Gomez e Joaquin in attacco.
Dopo dieci minuti Salah sale subito in cattedra e fa capire a tifosi e giocatori avversari da dove arriveranno i pericoli da parte dei padroni di casa: l’attaccante supera con uno scatto tutta la difesa avversaria e fulmina Storari con il goal dell’1-0. I bianconeri però non ci stanno e a metà del primo tempo pareggiano con un colpo di testa di Llorente; la sfida è giocata alla pari, almeno fino alla rete del raddoppio della Fiorentina, firmata ancora da Salah. L’ex-Chelsea approfitta di una distrazione della difesa juventina e insacca in piena area di rigore con un diagonale: è già il sesto goal per l’egiziano arrivato l’ultimo giorno di mercato. Di questo passo, il suo acquisto a fine stagione diventerebbe la prerogativa del mercato estivo viola. La serata finisce in festa con un’unica nota stonata: il possibile infortunio di Gomez, uscito nel secondo tempo per un problema muscolare alla gamba.
Continua il tour de force dei viola, che da qui a Pasqua affronteranno ogni tre giorni, tra coppe e campionato, tutti impegni contro avversari di prima e primissima fascia: il prossimo è la trasferta a Roma contro la Lazio, avanti di un punto rispetto ai gigliati nella corsa all’Europa. Il rischio quindi è quello di non avere abbastanza energie nelle gambe per strappare i tre punti all’Olimpico: c’è comunque di che essere fiduciosi perché i numerosi cambi a disposizione permettono una vasta scelta nella rosa, nella speranza di recuperare anche alcuni infortunati.

Matteo Fabiani