Home > Webzine > La buona movida: nasce il cocktail che unisce divertimento e sociale
sabato 30 maggio 2020

La buona movida: nasce il cocktail che unisce divertimento e sociale

21-03-2015
Un cocktail analcolico può unire il mondo della movida e del sociale? Assolutamente sì ed è questo l'obiettivo della campagna #LaBuonaMovida, ideata e promossa da Radio Firenze con il patrocinio del Comune di Firenze e di Cesvot, Centro Servizi Volontariato Toscana.

Il progetto è stato presentato in Palazzo Vecchio con un inizio davvero inaspettato: la preparazione live del nuovo cocktail Radio Firenze, assaggiato dall'assessora al welfare Sara Funaro e dall'assessore allo sviluppo economico Giovanni Bettarini che hanno immediatamente apprezzato: "Molto più buono di quelli alcolici."
Preparato con lime, the nero, lemongrass, succo d'arancia e zucchero vanigliato, il cocktail verrà inserito nei menù dei locali che aderiranno al progetto e rappresenta il simbolo dell'incontro tra movida e volontariato: parte del ricavato dalla vendita del drink, infatti, verrà devoluto ad un progetto sostenuto da un'associazione fiorentina.

A presentare la campagna, oltre agli assessori Funaro e Bettarini, lo station manager di Radio Firenze Lorenzo Galli Torrini, il presidente dell'associazione Nothing Inc. Vieri Calogero e la presidente della delegazione del Cesvot di Firenze Ivana Ceccherini che ha così spiegato il patrocinio del Cesvot: "Salutiamo con favore iniziative come queste: da soli non si va da nessuna parte, occorre sinergia. E noi ci siamo."

La campagna #LaBuonaMovida, unica nel suo genere in Italia, avrà inizio sabato 21 marzo alle ore 19.30 al Soul Kitchen (via de' Benci 34R) e il ricavato verrà devoluto all'associazione Agata Smeralda, impegnata nella tutela della dignità della vita, soprattutto dei bambini.
L'importo raccolto quella sera e per tutto aprile servità ad aiutare i bambini albini della Tanzania, spesso abbandonati dalla famiglie a causa della loro pelle o addirittura oggetto di mutilazione e uccisioni.
"Scegliere di dare il ricavato a associazioni come Agata Smeralda"
dichiara la Funaro "è utile sia per sostenere cause sociali importanti che per avvicinare i giovani a queste tematiche"

Si tratta, infatti, di un fundraising nel mondo del sociale assolutamente inedito, come sottolineato da Torrini di Radio Firenze che ha ideato l'iniziativa: "Al Soul Kitchen faremo un esperimento, ma chiediamo una mano perché questo sistema possa essere esportato così da creare un nuovo modo di fare sinergia tra il mondo della movida e del sociale"

Perché questo possa accadere, è importante che altri gestori dei locali fiorentini aderiscano al progetto, in modo che la movida della città non debba essere abbinata solo a motivi di ordine pubblico, ma anche a importanti finalità sociali.
Come sostiene Calogero, "Oggi mancano spazi di relazionalità per i giovani, le piazze sono diventate a misura di turista. Per evitare il rischio di isolamento, è importante che i locali partecipino e diventino spazi di aggregazione"

Per conoscere meglio l'iniziativa, seguite la pagina Facebook di Radio Firenze: www.facebook.com/radiofirenze

Alessandra Toni