Home > Webzine > The State of the Union: quattro giorni di riflessione con i protagonisti dell'UE
sabato 30 maggio 2020

The State of the Union: quattro giorni di riflessione con i protagonisti dell'UE

06-05-2015
Al via per il quinto anno consecutivo la manifestazione The State of the Union, una quattro giorni, dal 6 al 9 Maggio, per fare il punto della situazione sul processo d'integrazione europea. L'evento è organizzato dall'European University Institute (EUI) e si svolgerà all'interno delle strutture dell'EUI a Villa Salviati e alla Badia Fiesolana e nella suggestiva cornice del Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio.
"Un'occasione per accendere i riflettori sul processo di costruzione dell'Unione Europea - sottolinea il Sindaco di Firenze Dario Nardella - il più importante progetto sull'Unione pensato in periodo di pace. Un momento in cui la città diventa, in linea con la visione che ha sempre avuto, palcoscenico di rilevanza internazionale, per l'Italia e per l'Europa. Non parole al vento per gli addetti ai lavori, ma opportunità per realizzare il grande sogno dell'Unione Europea." L'evento infatti coinvolge diversi prestigiosi ospiti internazionali, politici, accademici, esponenti di spicco della società civile. Tra i relatori hanno confermato la loro presenza il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, Federica Mogherini, l'ex Presidente della Commissione Europea Romano Prodi, il primo ministro turco Ahmet Davutoglu e l'ex Presidente del Consiglio Giuliano Amato. Un anno per Firenze dedicato a grandi temi della politica globale: si svolgeranno a Novembre il Forum della NATO sul Mediterraneo, a cui parteciperanno più di 100 delegazioni parlamentari e si discuterà di strategie contro il terrorismo, e la visita del Papa Francesco.
Quattro sono i temi al centro dell'attenzione della manifestazione: l'inaugurazione del nuovo centro di ricerca "Alcide De Gasperi", ospitato dagli Archivi Storici dell'Unione Europea a Villa Salviati. Il secondo tema riguarda quello che fu il primo discorso politico ufficiale in cui compare il concetto d'Europa come unione economica e politica e che diede via al processo d'integrazione europea, la "Dichiarazione Schuman" 65 anni la sua pubblicazione. Ne discuteranno, tra gli altri, l'ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, Romano Prodi e Giuliano Amato, Mercoledì 6 Maggio.
I dibattiti sugli altri due temi sul tavolo, si trasferiranno nei locali di Palazzo Vecchio, e riguarderanno la sorveglianza dell'Unione e il rapporto tra UE e il resto del mondo.
Giovedì 7 Maggio verrà presentato un nuovo progetto di sorveglianza su come conciliare il problema della sicurezza e il rispetto di valori europei quali la privacy. Mentre Venerdì 8 Maggio si discuterà del rapporto tra l'Unione e il Mondo, con un intervento dell'Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza Federica Mogherini. Si parlerà anche di Medio Oriente, con un'intervista del Presidente dell'EUI Joseph Weiler all'ex direttore generale dell'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica Mohamed ElBaradei e al Primo Ministro turco Davutoglu, e di Europa e Asia con il Ministro degli affari Esteri di Singapore Kasiviswanathan Shanmugam. In mattinata i saluti del Sindaco di Firenze e il discorso del Primo Ministro Matteo Renzi.
L'ultimo giorno, il 9 Maggio, è dedicato alla celebrazioni del 65esimo anniversario della Dichiarazione Schuman: per l'occasione Villa Salviati e Badia Fiesolana aprono le loro porte ai visitatori.
Una manifestazione di grande portata che si svolgerà con il patrocinato dell'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, del Dipartimento Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero degli Affari Esteri e della Commissione Europea, e vedrà la presenza di 2.500 partecipanti in quattro giorni provenienti dall'Università di Firenze e dall'EUI, a dimostrazione della stretta e quotidiana collaborazione tra la Città di Firenze e l'Istituto Europeo.
Tutte le sessioni di Mercoledì 6 e Venerdì 8 Maggio saranno in live streaming.

Ulteriori informazioni sul sito http://stateoftheunion.eui.eu

Irene Giuffrida