Home > Webzine > Fiorentina-Hellas Verona 0-1: sconfitta beffa tra i fischi
martedì 12 novembre 2019

Fiorentina-Hellas Verona 0-1: sconfitta beffa tra i fischi

21-04-2015

Un’altra occasione buttata e un altro obiettivo stagionale che rischia di essere seriamente compromesso: con la sconfitta per 0-1 in casa contro l'Hellas Verona, la Fiorentina vede ridimensionare ancora una volta le proprie ambizioni, al termine di dieci giorni letteralmente infernali, che hanno visto un solo gol fatto e sette subiti in sette partite e l’eliminazione dalla Coppa Italia: ancora nulla è perduto poiché le pretendenti per il quarto posto restano ancora tutte nell’arco di tre punti, ma adesso più che mai servirà una reazione in campionato, che altrimenti verrà ricordato solo come il campionato dei troppi punti persi contro squadre di bassa fascia. Ancora una volta la formazione scesa in campo è dettata dai molti impegni settimanali e vede un ampio utilizzo del turnover: il tecnico Montella ha schierato Neto in porta, Tomovic, Pasqua, Rosi e Basanta in difesa, Badelj, Lazzari e Aquilani a centrocampo, Gilardino, Ilicic e Diamanti in attacco.

Anche stavolta la Fiorentina si è fatta vedere poco, compiendo un possesso palla sterile, con i padroni di casa che arrivavano pallone ai pedi fino al limite dell’area per poi perderlo o tirare troppo lontano dalla porta: nella seconda frazione la musica non cambia, ma il ritmo sembra più intenso da entrambe le parti. A metà tempo Gilardino si procura un rigore, che però Diamanti sbaglia miseramente: l’errore verrà pagato caro. A tre minuti dal recupero infatti Obbadi porta in vantaggio gli ospiti al termine di uno dei molti contropiede capitati ai gialloblu: pochi minuti più tardi l’arbitro manda tutti sotto la doccia e i viola se ne tornano negli spogliatoi a testa bassa e sommersi dai fischi.

Nonostante il bisogno di fare più punti possibile in campionato, tra tre giorni i viola saranno attesi da un altro impegno fondamentale: il ritorno dei quarti di finale di Europa League al Franchi contro la Dinamo Kiev. Torneranno sicuramente molti titolari lasciati a riposo per portare ad una vittoria che, oltre a far approdare i gigliati in semifinale, renderebbe certamente più sereno un ambiente che in questo momento appare teso come non mai.

Matteo Fabiani