Home > Webzine > ''FloraFirenze'' dove l'innovazione e la natura diventano Arte
domenica 17 novembre 2019

''FloraFirenze'' dove l'innovazione e la natura diventano Arte

30-04-2015
"Siamo entusiasti di questo evento che coniuga arte e cultura- ha detto l'Assessora all'Ambiente del Comune di Firenze, Alessia Bettini durante la conferenza stampa- per noi è di fatto un ritorno alle origini; nell'Ottocento fu Margherita di Savoia a inaugurare la prima vera manifestazione floreale. In questo evento, grazie alla sapienza dei maestri vivaisti, la natura diventa arte. Questo sarà nel Parco delle Cascine, un polmone verde che vogliamo far conoscere a fiorentini e turisti, e più precisamente all'Ippodromo delle Muline, un luogo da molto tempo abbandonato che grazie all'evento rinasce a nuova vita".
L'Ippodromo delle Muline del Parco delle Cascine torna a aprire le proprie porte per ospitare la prima mostra-spettacolo di piante e fiori che dal 30 aprile all'11 Maggio arriverà a Firenze. FloraFirenze non sarà la classica fiera dedicata alle piante ma un'esperienza che coniugherà i cinque sensi con la magia e l'innovazione.
Una iniziativa che, vista la concomitanza con Expo 2015 parlerà d'Italia, di cibo, grazie alla presenza del Food Village realizzato in collaborazione con EnoAgriArt, ma soprattutto di nuove tecnologie e sostenibilità. Nel corso delle dieci giornate potrete infatti assistere ai convegni tenuti dall'Accademia dei Georgofili e vedere in anteprima "Jellyfish Barge". La serra galleggiante, nata dall'estro della start-up Pnat diretta dal professor Stefano Mancuso dell'Università di Firenze, produrrà davanti ai vostri occhi, senza consumare suolo, acqua dolce ed energia, piante e alimenti.
FloraFirenze non sarà dunque una mostra ma a un vero e proprio spettacolo, che avrà come focus la natura e vi porterà a scoprire gli ecosistemi presenti sul Pianeta. Vi troverete a vagare tra spazi esterni e interni costruiti appositamente per ricreare i diversi microclimi grazie all'impiego di strutture e tecnologie all'avanguardia. Il percorso partirà dal giardino all'italiana, dove a regnare sarà la geometria delle forme, per poi condurvi nel lago, ricreato grazie a una fontana monumentale alta ben 15 metri. Oltrepassando la cupola realizzata con 5000 azzalee entrerete nel deserto e di lì nello scenario barocco e giapponese. Lo scopo di questa esperienza sensoriale è quello di mettere in rilievo gli esemplari, ovvero i "pezzi" unici del verde, ma soprattutti i produttori che, come Oscar Tintori e Rose Barni, sono sigilli del Made in Italy. Al termine del viaggio vi troverete immersi nel bosco dell'arte dove ben 18 artisti della Land Art con Peter Hess, creeranno delle opere davanti ai vostri occhi. A loro disposizione, come prevede la corrente, solo i materiali di scarto; sostanze morte che attraverso le loro mani torneranno a nuova vita.
Come diceva l'assessora Bettini sarà come tornare indietro nel tempo per giocare con i sensi, le piante e i fiori, che connotano la nostra Città fin dagli albori, fin dal nome. Sarà dunque un evento unico che andrà in scena al Parco delle Cascine dalle 8.30 alle 18.30 grazie all'estro di Euroflora.

Per avere maggiori informazioni: www.florafirenze.com 
 
Martina Viviani