Home > Webzine > 22° anniversario della strage di Via dei Georgofili: due giorni di manifestazioni per non dimenticare
mercoledì 20 novembre 2019

22° anniversario della strage di Via dei Georgofili: due giorni di manifestazioni per non dimenticare

26-05-2015

Angela Fiume e Fabrizio Nencioni, le loro figlie Nadia e Caterina, lo studente di architettura Dario Capolicchio la notte fra il 26 e il 27 maggio del 1993 persero la vita per un attentato mafioso. Oltre alla loro morte, l'attentato provocò 41 feriti, distrusse la storica Torre de’ Pulci dove ha sede l’Accademia dei Georgofili, causò ingenti danni al museo degli Uffizi, a Palazzo Vecchio, alla chiesa di S. Stefano al Ponte Vecchio e a tutto il tessuto abitativo circostante. Altre bombe esplosero lo stesso anno a Roma e Milano, a conferma di un disegno criminoso che voleva condizionare il funzionamento degli istituti democratici e lo svolgimento della vita civile del Paese.
Da allora i responsabili sono stati consegnati alla giustizia, ma la volontà di fare luce sulle ombre che ancora permangono resta intatta, come intatto resta l'impegno della città di ricordare quelle vittime innocenti.

Martedì 26 Maggio alle ore 17.30 presso la Sede della Regione Toscana in Palazzo Strozzi Sacrati (Piazza Duomo, 10) si svolgerà il convegno "Lo Stato, la giustizia ferita, le indagini e i processi", con la partecipano degli studenti delle scuole toscane coinvolte nei percorsi didattici sull’antimafia e sulla memoria. Dopo i saluti del Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e del Sindaco di Firenze Dario Nardella, interverranno tra gli altri il Presidente del Senato Pietro Grasso, il Prefetto di Roma Franco Gabrielli e Giovanna Maggiani Chelli dell'Associazione familiari delle Vittime della strage di via dei Georgofili. Conduce l'incontro la giornalista de La Repubblica franca Selvatici.
Dalle ore 21 presso il Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio una serata di commemorazione della strage con la partecipazione del Presidente del Senato, del Sottosegretario di Stato del MIUR Davide Faraone e il Procuratore nazionale antimafia Franco Roberti, e il concerto del Coro di Voci Bianche del Conservatorio "Cherubini" di Firenze "Le Passioni dell'Aria" di Roberto Scarcella Perino, diretto da Santa Tomasello.
Alle ore 22.45, sotto la direzione artistica di Marcello Vargetto, ha inizio il Gran Galà di Opera, saranno eseguite arie famose e cori del repertorio operistico di Giuseppe Verdi, Giacomo Puccini e Pietro Mascagni.

Nella giornata di Mercoledì 27 la città di Firenze renderà omaggio alle Vittime della strage: un corteo formato dai Gonfaloni del Comune di Firenze, della Regione Toscana, della Città Metropolitana di Firenze e con i labari delle Associazioni di Volontariato partirà all'1.00 da Palazzo Vecchio per giungere in Via dei Georgofili e deporre una corona d'alloro sul luogo dell'attentato.
Durante la mattina poi sarà reso omaggio alla famiglia Nencioni con la deposizione di un cuscino di rose sulla tomba presso il cimitero Romola, mentre al cimitero Sarzanello un cuscino di rose sarà deposto sulla tomba di Dario Capolicchio.
Alle 9.00 nella Chiesa di S. Carlo di Firenze (via dei Calzaiuoli) si svolgerà la Santa Messa in suffraggio delle Vittime.
Alle ore 10.30 nel Salone dei Duecento a Palazzo Vecchio una lettura offerta dagli studenti della scuola di teatro "La stanza dell’attore", Il senso della strage, condotto da Giovanni Micoli aprirà l'incontro con le scuole; seguirà poi la proiezione del documentario dell’Associazione tra i familiari delle Vittime e un dibattito con gli studenti.
Mentre alle ore 11.30 all'ITT Marco Polo di Firenze verrà proiettato il film "La trattativa" di Sabina Guzzanti, al quale seguirà un dibattito con gli alunni e l'Associazione Familiari delle Vittime.

Per maggiori informazioni: www.comune.fi.it

IG