Home > Webzine > Incontro finale di presentazione del progetto ''NEET-Work''
mercoledì 07 dicembre 2022

Incontro finale di presentazione del progetto ''NEET-Work''

16-11-2015
Lunedì 16 novembre si è svolto l'incontro finale di presentazione del progetto "NEET-Work" al Polo delle Scienze Sociali di Novoli. Neet è l'acronimo di "Not in education, employment or training", cioè persone che non sono inserite nel mondo del lavoro o in quello di formazione o istruzione: in Italia sono oltre 2 milioni. Il progetto NEET-Work, realizzato dalla Cooperativa Sociale "Il Cenacolo" del Consorzio Co&So Firenze, è nato con l'obiettivo di avvicinare i giovani al mondo del lavoro e di ridurre il tasso di disoccupazione, interessandosi alla fascia di età dai 18 ai 30 anni.
La giornata conclusiva, che ha visto l'intervento dell'assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Firenze Andrea Vannucci, ha ospitato la presentazione delle iniziative offerte durante il progetto, con gli strumenti utili per affrontare un colloquio di lavoro e migliorare le competenze personali.
Il percorso ha permesso di individuare 124 giovani, ai quali sono state proposte 4 edizioni di workshop di orientamento sulle tecniche di ricerca attiva del lavoro, la formazione su competenze trasversali e percorsi di coaching. Inoltre è stato rilasciato ai partecipanti l'attestato sulla Sicurezza sul lavoro e l'Haccp. 
I giovani coinvolti hanno partecipato ai workshop presso l'Informagiovani del Comune di Firenze. Di questi ragazzi, il 63% era già scritto al CPI (Centro per l'impiego), ma non a Garanzia Giovani. A fine progetto si sono iscritti 92 neet a Garanzia Giovani.
I risultati ottenuti: il 22% delle persone coinvolte si è inserito in percorsi lavorativi, formativi; molti dei quali hanno usufruito dei bandi di servizio civile e di tirocini curricolari.
Durante la mattinata è stato inoltre presentato il rapporto di ricerca sui neet dei laureandi del Corso di Scienze Politiche Alessio Berti e Maddalena Moidi.

Per ulteriori informazioni: www.coopcenacolo.it

di Giulia Bongiovanni