Home > Webzine > Hack Toscana Mobilità, conclusa la maratona. ''Un'esperienza straordinaria''
martedì 19 novembre 2019

Hack Toscana Mobilità, conclusa la maratona. ''Un'esperienza straordinaria''

01-02-2016
"Un'esperienza straordinaria, che ha prodotto ottimi lavori", così gli assessori regionali Vincenzo Ceccarelli e Vittorio Bugli, che hanno promosso la realizzazione di Hack Toscana Mobilità e ne hanno seguito in prima persona tutte le fasi, hanno sintetizzato l'iniziativa. "E' stato un evento emozionante - hanno detto - che ha prodotto tanti progetti interessanti, alcuni dei quali così avanzati che sembra impossibile siano stati elaborati in sole 24 ore".
Si è conclusa domenica 30 gennaio alle 14, con la premiazione dei tre progetti vincitori, la maratona di Hack Toscana Mobilità, il primo hackathon organizzato dalla Regione Toscana dedicato al mondo del trasporto pubblico. I 110 hacker partecipanti sono stati divisi in squadre ed hanno lavorato ininterrottamente su tre brief, tre tematiche, dal primo pomeriggio di ieri a questa mattina. Sette team hanno scelto di lavorare sul brief 'scuola/lavoro', proponendo soluzioni innovative per migliorare gli spostamenti quotidiani dei pendolari. Otto team hanno scelto il brief 'tempo libero', per incentivare l'uso dei mezzi pubblici negli spostamenti non sistematici. Altre sette squadre, infine, hanno scelto il brief 'turismo' per promuovere un turismo più informato e sostenibile.

Tornati a Firenze a bordo di un treno Jazz, dopo aver lavorato tutta la notte nei locali del Campus del Pionta ad Arezzo, i ragazzi hanno presentato i loro lavori. Tre giurie, composte ciascuna da un rappresentante della Regione Toscana, uno delle aziende partner (Università di Siena, Trenitalia, Fondazione Sistema Toscana) e uno delle aziende sponsor (Alstom, Maior, Engineering), hanno individuato un progetto vincitore ed una 'menzione speciale'.

Hanno vinto il brief dedicato agli spostamenti scuola/lavoro i componenti del team Dreamteam con un progetto dedicato ai viaggiatori non vedenti; quello dedicato agli spostamenti nel tempo libero, gli All Industries con un progetto che si pone l'obiettivo di migliorare la sicurezza a bordo dei mezzi pubblici attraverso programmi di riconoscimento facciale; quello dedicato al turismo i DaynaMove con un progetto che combina trasporto pubblico e privato per rendere più facile e veloce il raggiungimento di mete non facilmente raggiungibili con il solo tpl.

Le tre aziende sponsor, hanno inoltre indicati delle menzioni speciali:

- Maior ha offerto un'esperienza in azienda a: Matteo Fontana, Mauro Piva e Diego Balestri;
- Engineering ha offerto una collaborazione ai componenti del team GEEN;
- Alstom ha invitato i componenti del DreanTeam a visitare la sede di produzione del treno Jazz per valutare insieme la possibilità di applicazione della loro app per non vedenti.

La Regione Toscana, infine, ha spresso la volontà di integrare la propria App Muoversi in Toscana con le idee contenute nei progetti di Chili Team e Solid Penguin, oltre a quella di valutare da subito la fattibilità del progetto di All Industries per la sicurezza a bordo.

Per info: www.hack-toscana.it  

M.V.