Home > Webzine > ''Crescere in digitale'' arriva a Firenze per far incontrare imprese e giovani
mercoledì 07 dicembre 2022

''Crescere in digitale'' arriva a Firenze per far incontrare imprese e giovani

03-02-2016
"Crescere in digitale", dopo aver conquistato molte altre realtà italiane tra cui Roma, ha deciso di far tappa a Firenze, per mettere in contatto due mondi: i giovani e le imprese. Mercoledì 3 febbraio 2016 trenta giovani disoccupati e ben quaranta aziende del territorio si sono dati appuntamento all'auditorium di PromoFirenze per partecipare a "Laboratorio di Crescere in Digitale", insieme a tutte le Camere di Commercio della Regione Toscana, collegate con la sede via streaming, a Leonardo Basillichi, il presidente della Camera di Commercio di Firenze, Donato Montibello, il consigliere del ministro del lavoro e delle Politiche Sociali e Diego Ciulli il public policy manager di Google Italia.

A tagliare il nastro dell'iniziativa è stato Domenico Mauriello, il responsabile centro studi Unioncamere che ha dichiarato: "Il nostro progetto mira a far crescere le competenze digitali dei giovani ed elevare, proprio grazie a loro, quelle delle piccole e medie imprese del territorio. Dunque da un lato cerchiamo di far crescere i ragazzi, dall'altro le aziende, sfruttando proprio le enormi potenzialità del mercato digitale. Il cuore di questo progetto è il tirocinio, visto come un'opportunità che può spalancare le porte del lavoro; i ragazzi avranno la possibilità di vivere per sei mesi all'interno di una realtà aziendale e di essere guidati da un team eterogeneo di professionisti. Tante piccole imprese sono pronte a investire sul digitale ma da sole non riescono a farlo, ecco perchè abbiamo pensato ad una serie di iniziative. Con
questo progetto vogliamo lasciare un segno concreto, un borsista qualificato dietro cui si cela un network di persone pronte a sostenerlo".

Ma torniamo indietro nel tempo per capire più a fondo cosa vuol dire "Crescere in Digitale". L'iniziativa, promossa dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali, da Unioncamere e da Google Italia, si rivolge direttamente ai NEET (Not engaged in Education, Employment or Training), ovvero a tutti quegli under 30 che al momento non studiano e non lavorano. L'obiettivo è quello formare giovani digitalizzati, ovvero persone con elevate capacità informatiche in grado di entrare nel mondo del lavoro per accompagnare le aziende verso la nuova era: il web.
Per raggiungere questa meta, a tutti coloro che decidono di entrar a far parte del team, viene offerto un corso gratuito di 50 ore online e dopo il superamento del test, viene offerta la possibilità di mettere in pratica quanto appreso durante le lezioni. Dopo aver appreso come utilizzare le principali piattaforme, i giovani potranno entrar a far parte di una realtà aziendale presente sul loro territorio, attraverso uno stage retribuito grazie a Garanzia Giovani, oppure usufruire del sostegno degli esperti per dar vita a nuove start up e scommettere sulle proprie idee.
"Crescere in digitale" rappresenta di fatto una vera e propria svolta culturale e formativa che viene offerta da un lato ai NEED, dall'altro alle imprese stesse che, con l'avvento di Internet, per restare al passo con i tempi e con le esigenze del loro pubblico, si trovano costrette a guardare il mondo che le circonda attraverso occhi nuovi.
"Le aziende- come sottolinea Leonardo Basillichi, il presidente della Camera di Commercio di Firenze, rivolgendosi ai ragazzi- hanno bisogno di voi, anche se ancora non lo sanno. Davanti a voi ci sono due sfide: identificare la vostra professionalità e convincere le imprese a cambiare il loro punto di vista, una condizione necessaria
alla loro sopravvivenza". "Per essere vincenti- continua Diego Ciulli il public policy manager di Google Italia- dovete far leva sulle vostre competenze e non aver paura di mettere in pratica cosa avete studiato per dimostrare alle imprese che potete fare al caso loro. Voi siete i primi e noi contiamo molto sul passa parola per far crescere i numeri. I numeri parlano di un progetto con oltre 40.000 iscritti in tutta Italia. Con un fenomeno tutto toscano che vede un grande interesse da parte delle imprese, soprattutto quelle artigiane, ma un basso riscontro tra i giovani".

Ben 140 realtà tutte toscane hanno deciso di aprire le proprie porte a giovani specializzati per guardare al futuro e conoscere con loro nuovi sbocchi e correnti da navigare; accanto a questi attori siedono nella stessa stanza giovanissimi alla ricerca un'opportunità di lavoro concreta e allo stesso tempo formativa capace di farli "Crescere in digitale". Ecco il segreto del progetto: dare al mercato del lavoro nuovi profili specializzati.

Per informazioni: www.crescereindigitale.it 

Martina Viviani