Home > Webzine > Sport in libertà: la squadra dei detenuti batte la formazione Comune-Uisp
venerdì 30 ottobre 2020

Sport in libertà: la squadra dei detenuti batte la formazione Comune-Uisp

08-02-2016
Sabato 6 febbraio si è tenuta una partita amichevole di calcio a 11 nel campo sportivo presente all'interno della casa circondariale di Sollicciano. La squadra dei detenuti, nell'ambito del progetto “Sport in libertà” di Uisp Firenze, ha sfidato e battuto per 5 a 2 una squadra composta da amministratori comunali e dirigenti Uisp. Per il team di Sollicciano che da un anno si ritrova tutti i sabato mattina per allenarsi e divertirsi intorno al pallone insieme agli operatori tecnici della Uisp, un'ottima prova. Il match è stata l'occasione per il Comune di donare alla squadra dei detenuti la divisa. Il completo è composto da maglia viola e pantaloni bianchi. L'investitura ufficiale per la squadra, celebrata con tanto di terzo tempo di saluto, un po' come avviene nel mondo del rugby.
Soddisfatto l'assessore comunale allo sport Andrea Vannucci. “L'amministrazione crede molto in questo progetto che è una commistione bella tra sport e sicurezza sociale. Oggi è una festa, celebriamo la consegna delle maglie alla squadra di Sollicciano, in un contesto fortemente voluto dal Comune, dalla Uisp e dalla direzione penitenziaria”.
Da quattro anni questo progetto “Sport in libertà”, sostenuto dal Comune, porta all'interno del carcere a chi sta scontando una pena, un'attività non solo fisica e sportiva ma sociale tra le persone -spiega Mauro Dugheri, presidente Uisp Firenze. Portiamo a questi ragazzi i valori dello sport, forniamo alle persone che partecipano al progetto la possibilità di costruire un profilo sociale e personale che permette un reinserimento nella vita sociale di tutti i giorni”.
Il corso della Uisp  a Sollicciano si tiene in accordo con la direzione educativa dell'istituto ed è propedeutico all’attività di calcio a 11. Prevede un appuntamento settimanale (il sabato mattina) tenuto da operatori UISP esperti della disciplina allenatori UEFA B. Il corso si basa su: l’insegnamento delle basi e delle specifiche regole del tradizionale gioco del calcio a 11; l’apprendimento di schemi e tattiche di gioco, l’interazione con i compagni di squadra, il riconoscimento di ruoli e lo sviluppo del “gruppo”, il miglioramento delle capacità fisiche e il rispetto dell' avversario e delle altre culture.
L’attività coinvolge 30 detenuti di varie nazionalità, 1 allenatore e 3 volontari.
Non è l'unica attività sportiva condotta da Uisp all'interno della casa circondariale. Durante la settimana si praticano anche volley, basket e capoeira.
Inoltre, è in ponte l'organizzazione di ancora altre iniziative come: Vivicittà: corsa campestre per donne uomini dentro le mura del carcere con operatori e istruttori della disciplina (aprile 2016); un corso arbitri di calcio tenuto dalle sezione arbitri Uisp di Firenze; attività di Thai-chi con le varie associazioni di circo affiliate Uisp.

Info: www.uisp.it/firenze/