Home > Webzine > Buy Wine: aziende locali alla Fortezza da Basso per presentare il vino Toscano
domenica 17 novembre 2019

Buy Wine: aziende locali alla Fortezza da Basso per presentare il vino Toscano

12-02-2016

Il vino, una delle eccellenze del territorio toscano, sarà il solo protagonista della sesta edizione di Buy Wine. Nella splendida cornice della Fortezza da Basso infatti, il 12 ed il 13 febbraio, tornerà il celebre evento B2B, ideato da Toscana Promozione, per presentare agli intenditori del settore le novità e le grandi eccellenze enologiche del nostro territorio e favorire così l'incontro tra gli importatori e le cantine di riferimento. Per raggiungere l'obiettivo prefissato arriveranno in Città oltre 200 produttori della regione e ben 240 buyer internazionali provenienti da ben 36 Paesi diversi.

''Abbiamo recuperato la sesta edizione di Buy Wine- ha sottolineato durante la conferenza stampa di presentazione Marco Remaschi, assessore all'agricoltura della Regione Toscana- perché la riteniamo fondamentale.  Se è vero che nel 2015 la Toscana ha incrementato il suo export del 22. C'è grande qualità, un grande sistema ed una grande attenzione verso quella che io definisco la grande locomotiva del sistema economico toscano: il vino. Lo scorso anno abbiamo registrato oltre 6000 contatti quindi siamo certi che questa manifestazione farà conoscere la qualità dei nostri prodotti, far visitare le cantine ed i territori in cui vengono prodotti. Iniziative come queste servono a lanciare nuovi imprenditori che da soli non avrebbero le risorse e ad implementare questo Mondo''.

Buy Wine, come vuole ormai la tradizione, darà il via anche alle Anteprime di Toscana; un'intera settimana in cui operatori e giornalisti potranno saggiare ben tredici denominazioni diverse che hanno fatto il loro ingresso nel mercato solo lo scorso anno, come il Morellino di Scansano, il Montecucco, i Vini Cortona, i Vini di Carmignano, il Valdarno di Sopra Doc, il Bianco di Pitigliano e Sovana, il Colline Lucchesi e il Maremma Doc, che saranno i protagonisti della prima giornata in programma allo Star Hotel Michelangelo di Firenze. Il 14 invece sarà, invece, la volta del Chianti, il 17 e il 18, del Vernaccia al Museo di Arte Moderna e Contemporanea De Grada San Gimignano e del Vino Nobile alla Fortezza di Montepulciano; a chiudere la kermesse del gusto sarà il 19 e il 20 febbraio Benvenuto Brunello che si terrà il 19 e 20 febbraio presso il Chiostro del Museo di Montalcino.

Buy Wine con il tempo ha saputo conquistare sempre maggior riscontro, diventando un punto di riferimento per il settore a livello mondiale. Moltissimi compratori, in linea con il trend positivo riscosso lo scorso anno, arriveranno in Città per curiosare tra le novità offerte dal nuovo nettare da moltissime parti del Mondo, Stati Uniti, Canada, Cina , Brasile, Australia, Giappone, Danimarca, Germania, Corea del Sud e Messico, tracciando nuove e vecchie rotte commerciali.
Accanto a loro siederanno le bandiere del Made in Tuscany, ovvero le moltissime aziende locali che da anni si occupano della fase produttiva in tutte le province della Toscana; guidano la classifica per territorio Siena e Firenze, rispettivamente con 68 e 55 aziende, seguite da Grosseto, Livorno, Arezzo, Pisa, Pistoia, Prato e Lucca.

A queste medie e piccole aziende, oltre alla partecipazione al workshop, l'Agenzia regionale, dedicherà un vero e proprio percorso di avvicinamento alla manifestazione. Si passerà dal Web Marketing per l'Internazionalizzazione ad una serie di seminari che a vario titolo andranno a mettere in luce le criticità e le potenzialità offerte dal mercato del vino. L'obiettivo sarà proprio quello di offrire alle imprese tutti gli strumenti utili per affrontare in modo consapevole l'incontro con i buyer internazionali.

L'evento sarà dunque un importante punto d'incontro tra il mondo dell'enologia toscana e il commercio internazionale e Firenze diventerà per due giorni la fortezza da cui Made in Toscany tenterà di conquistare nuovi clienti e mercati.
Una sfida che volerà ad alta quota grazie ai dati che testimoniano la crescita del Brand Toscana del 29,4%, contro il 9 % della media nazionale soprattutto nei Paesi fuori dall' Unione Europea come Usa, Cina e Canada.

Info: www.toscanapromozione.it

Martina Viviani