Home > Webzine > La Fiorentina non vince neppure a Frosinone: finisce 0-0
lunedì 18 novembre 2019

La Fiorentina non vince neppure a Frosinone: finisce 0-0

21-03-2016

Non vince più la Fiorentina: nella trasferta in casa del Frosinone i viola non vanno oltre lo 0-0, in occasione della trentesima giornata di campionato. La squadra gigliata non ha saputo approfittare del pari tra Roma e Inter nell'anticipo del sabato e rimane a cinque punti di distanza dal terzo posto occupato dai capitolini.

Per superare il pericolante Frosinone, penultimo in classifica, Sousa aveva deciso di affidarsi alla formazione di inizio stagione, lasciando in panchina tutti gli acquisti di gennaio. Missione praticamente fallita, considerando il punto guadagnato al pari di una mezza sconfitta. I viola certo sono nel periodo peggiore della stagione, reduci da cinque gare senza vittorie (coppe comprese); la prestazione convincente offerta contro il Napoli è stata cancellata dalle scoppole di Londra e Roma, ma almeno in quel caso gli avversari avevano forse dimostrato di essere complessivamente superiori. I pareggi contro Verona e ciociari hanno mostrato un evidente calo di condizione, c'è da scoprire se solo dal punto di vista fisico o anche a livello psicologico.
La partita in casa dei laziali non è stata giocata male, a essere onesti: il possesso di palla, in un primo tempo non bello ma assai combattuto, è stato sempre a favore dei gigliati, con punte del 75%. Se non segni però un tale predominio diventa pura accademia, e dire che le occasioni non sono mancate: al quarto d'ora Ilicic spreca tirando debolmente addosso al portiere Leali. Da mangiarsi le mani poi in occasione della tripla chance sprecata allo scadere: Kalinic centra il palo, la palla finisce a Borja sulla linea di porta, che prima tira addosso alle gambe di un difensore in scivolata, poi centra in pieno la traversa.
Non inganni comunque la percentuale del possesso, anche i padroni di casa hanno avuto le loro belle opportunità; quasi sempre gli avanti ciociari si sono trovati smarcati per le solite "buche" sulla fascia destra viola, Tata e la scarsa mira salvano gli ospiti.

Così nel primo tempo; anche nella ripresa il canovaccio non muta, con diverse occasioni create soprattutto dal neo-nazionale Bernardeschi. Un discorso a parte lo merita il giovane fantasista: appare da qualche tempo a corto di fiato, tuttavia anche allo stadio Matusa il Berna ha corso senza sosta, provando a inventare la giocata vincente. In una partita così fallosa, grazie soprattutto ai frusinati, stupisce un po' la presenza per quasi tutti i novanta minuti di Ilicic: difatti lo sloveno non si è praticamente mai visto. Col passare dei minuti, e con i risultati in fieri sugli altri campi, il Frosinone ha provato a farsi avanti nella fase finale della partita. A quattro dal termine il nuovo entrato Tonev quasi beffa l'immobile Tata, fortuna che lo stesso palo del primo tempo fermi il pallone. L'ingresso di Tello, Zarate e Babacar mette un po' di pepe nell'attacco gigliato, il goal comunque non arriva.

Non cambia niente a livello di classifica, però la sensazione di non avere più "argomenti" per la lotta Champions si fa più consistente. A otto giornate dal termine i ragazzi di Sousa hanno il dovere di ritrovare le forze per conservare almeno l'attuale quarto posto in classifica.

Leonardo Signoria