Home > Webzine > Giovani e teatro: le opportunità della Fondazione Teatro della Toscana per studenti e under35
mercoledì 28 ottobre 2020

Giovani e teatro: le opportunità della Fondazione Teatro della Toscana per studenti e under35

25-11-2016
Un percorso comune per avvicinare le giovani generazioni al teatro, allo spettacolo e ai mestieri che si nascondono dietro le quinte: è quello intrapreso dalla Fondazione Teatro della Toscana e dalle principali istituzioni formative del territorio come Università degli Studi di Firenze, di Pisa e il DSU Toscana.

Numerose, infatti, sono le opportunità, le iniziative e le agevolazioni dedicate agli studenti universitari e agli under35 nella stagione 2016/2017: un'offerta ampia che è stata presentata al Teatro della Pergola da Marco Giorgetti, Direttore Generale della Fondazione Teatro della Toscana, e dai rappresentanti delle istituzioni coinvolte. Come spiegato da Giorgetti, l'attenzione ai giovani e alla loro formazione è un impegno che la Pergola porta avanti fin dalla creazione della storica ETI21, l’iniziativa che dagli anni Settanta, durante la direzione di Alfonso Spadoni, ha portato migliaia di ragazzi a teatro. Oggi, però, questa vera e propria missione può contare su molte più energie, su una progettualità, su una rete di collaborazioni virtuose che si snoda sull'intero territorio e che non si limita ad offrire solo agevolazioni su biglietti e abbonamenti, ma progetti creati ad hoc, iniziative, bandi e concorsi rivolti ai giovani che così possono sentirsi sempre più partecipi, sempre più coinvolti. Sempre più protagonisti.

È appena stata rinnovata la convenzione con l'Università degli Studi di Firenze che prevede la collaborazione delle due istituzioni per iniziative di carattere scientifico e culturale pertinenti alle arti, alla musica e allo spettacolo, rivelando così una totale "sintonia di intenti tra noi e la Fondazione - ha spiegato Laura Solito, Prorettore alla Comunicazione dell'Università degli Studi di Firenze - l'Università è oggi più che mai chiamata a svolgere un ruolo attivo e proattivo sul territorio e grazie a questa convenzione diamo vita a progetti concreti, proposte reali". Gli obiettivi sono educare tutti gli studenti al teatro e "dare loro l'opportunità di mettere in pratica ciò che nelle aule apprendono solo teoricamente grazie alla possibilità di tirocini". Tirocini che come sottolineato da Gabriele Guagni, responsabile Centro Studi e Formazione, "consentono di collaborare attivamente con noi nellla programmazione delle attività, comprese quelle rivolte proprio ai più giovani. Il nostro scopo - ha spiegato - è andare oltre l'aspetto dello spettacolo, ma far conoscere tutta la 'struttura teatro', ciò che accade intorno, entrare nel dietro le quinte". Sempre curati dall'Università, gli appuntamenti ad ingresso libero del 2 e 3 dicembre legati a "Un incontro straordinario: Eleonora Duse, Edward Gordon Craig e Isadora Duncan al Teatro della Pergola" in occasione del 50° anniversario della morte di Gordon Craig, uno dei padri fondatori della regia teatrale. Si è inoltre appena conclusa la sesta edizione del Laboratorio di avviamento all’espressione, condotto da Marco Giorgetti e destinato agli studenti del corso di laurea DAMS sui principi del Metodo Mimico di Orazio Costa Giovangigli, regista pedagogo tra i maggiori del teatro del Novecento che al Teatro della Pergola visse e portò avanti le sue ricerche. 

Oltre all'Università di Firenze, la Fondazione Teatro della Toscana ha attivato una collaborazione con l'Università di Pisa: partirà a febbraio 2017 il progetto di formazione del pubblico universitario "Scritture sulla scena", realizzato in collaborazione con l’insegnamento di Storia del Teatro tenuto da Anna Barsotti, professore ordinario in Discipline dello Spettacolo dell’Università di Pisa. Il progetto prevede un ciclo di incontri e approfondimenti critici tra docenti, studenti universitari, operatori, autori, artisti e pubblico sulle differenti funzioni e forme che drammaturgia e regia assumono sulla scena contemporanea. 

Importante novità è l'adesione della Fondazione Teatro della Toscana a 18app, il Bonus Cultura per i neo diciottenni promosso dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, facendo così della Fondazione una delle prime istituzioni culturali ad aderire all’iniziativa (da dicembre, per coloro che si saranno registrati sul sito www.18app.it, sarà possibile acquistare biglietti e abbonamenti per tutti gli spettacoli della Fondazione Teatro della Toscana).

Tra le opportunità messe in atto dalla Fondazione per tutti i diplomati e laureati, al fine di sostenere la conoscenza e la valorizzazione del suo patrimonio culturale e artistico, si segnala l’apertura del bando per l’assegnazione di cinque borse di studio: di queste, tre sono riservate a laureati in area umanistica per attività di studio e ricerca presso il Centro Studi del Teatro della Toscana sugli spettacoli andati in scena al Teatro della Pergola, due sono invece riservate a diplomati di scuola secondaria per attività di studio e ricerca sulle tecniche sartoriali italiane (gli interessati dovranno inviare la domanda di partecipazione entro giovedì 8 dicembre). A breve, come comunicato nel corso della conferenza stampa, verrà lanciato anche il "Premio Enrico Maggiore" per tesi di dottorato: un premio alla memoria di uno "storico abbonato" della Pergola recentemente scomparso e che ha deciso di donare tutto ciò che possedeva ai giovani.

Sul fronte delle agevolazioni per la partecipazione degli studenti universitari agli spettacoli delle stagioni, è stato rinnovato l’accordo tra la Fondazione e il DSU Toscana (Azienda Regionale per il diritto allo studio universitario della Toscana), per cui quest’ultimo mette a disposizione degli iscritti agli Atenei e Istituzioni universitarie legalmente riconosciute della Toscana 440 ingressi a costi agevolati per tutti gli spettacoli della stagione teatrale 2016/2017 di tutti e quattro i teatri gestiti dalla Fondazione. Per usufruire delle agevolazioni occorre ottenere, attraverso una procedura di prenotazione sul sito www.dsu.toscana.it, un coupon di sconto da convertire poi in biglietto vero e proprio.

Per quanto riguarda gli abbonamenti, confermato il Pergola26 per chi ha meno di 26 anni e che consente di assistere a cinque spettacoli della stagione del Teatro della Pergola a soli 12€ l’uno, ma non solo: "Pergola26 è una vera community - ha spiegato Guagni - i ragazzi partecipano agli spettacoli, ma possono anche seguire tante attività collaterali, iniziative, creare gruppo tra loro". I prossimi appuntamenti in esclusiva per Pergola26 saranno l’incontro-spettacolo con l’ensemble del progetto "Carissimi Padri…" il 29 novembre al Teatro Niccolini, in preparazione de" I pugni ricolmi d’oro", lavoro che abiterà la sala di via Ricasoli dall’1 all’11 dicembre; l’incontro con Nancy Brilli il 1 dicembre al Teatro della Pergola, in occasione della tenitura di "Bisbetica" (29 novembre - 4 dicembre); la visita guidata speciale alla mostra "Ai Weiwei. Libero" a Palazzo Strozzi il 5 dicembre. Le agevolazioni non si rivolgono, però, solo agli under26: la Fondazione, infatti, riserva agli under 35 una riduzione del 15% su tutte le formule di abbonamento.

I giovani appassionati di teatro e scrittura, invece, potranno trovare la loro occasione nel concorso "Reporter a Teatro" in collaborazione con il Portalegiovani del Comune di Firenze: un progetto che prosegue negli anni e che va a premiare le migliori recensioni, riflessioni, interviste reali o immaginarie sugli spettacoli della stagione del Teatro della Pergola e del Teatro Niccolini. In palio un abbonamento Pergola26, dei buoni per l’acquisto di libri presso la Libreria dei Lettori e la pubblicazione online del proprio scritto.

Per maggiori info: www.teatrodellatoscana.it

di Alessandra Toni