Home > Webzine > Fiorentina-Juventus 2 a 1: dominio viola al Franchi per il ritorno di Antognoni
mercoledì 20 novembre 2019

Fiorentina-Juventus 2 a 1: dominio viola al Franchi per il ritorno di Antognoni

16-01-2017
Grinta, cattiveria, testa e cuore sono state le chiavi del successo viola contro la Juventus. Una Fiorentina (quasi) perfetta è scesa in campo al Franchi in una delle partite più attese di tutta la stagione dettando i ritmi di gioco e
mettendo in difficoltà la prima della classe. Ma la squadra di Paolo Sousa non si è fatta spaventare dai pronostici ed è scesa in campo come mai aveva fatto nelle ultime partite meritando senza ombra di dubbio questa vittoria.

La formazione di casa è stata accolta dal pubblico delle grandi occasioni, in un Franchi quasi esaurito, con una coreografia mozzafiato che ha lasciato a bocca aperta il pubblico, che anche dal settore ospiti non ha mai staccato gli occhi e i telefonini da una Fiesole che ha voluto rendere omaggio e dare il bentornato a Giancarlo Antognoni, "unico 10" e simbolo della storia viola. Firenze e la Fiorentina tornano così ad esultare e sognare dopo lo storico 4 a 2 del 2013.

Se sarà la svolta per la stagione di Paolo Sousa e i suoi ragazzi nessuno può saperlo. Ma la squadra ha dimostrato che è in grado di imporre il proprio gioco e i prori ritmi e può davvero mettere in difficoltà chiunque, anche la squadra
più forte del nostro campionato. Il 3-4-2-1 schierato dall'allenatore viola con i giovani talenti, Bernardeschi e Chiesa, a supporto di Kalinic scende in campo col piede giusto, già al 7' del primo tempo con un tiro di Vecino costretto a
chiamare in causa il portiere bianconero Buffon. Sempre Vecino pochi minuti dopo con un'altra botta dalla distanza fa tremare il Franchi. E' una Fiorentina viva che spaventa la squadra di Allegri, mai vera protagonista della partita, e
che al 37' grazie a Nikola Kalinic sigla il vantaggio viola. Un gran tiro che fa esplodere di gioia il Franchi.

Nel secondo tempo calano indubbiamente i ritmi di gioco ma a poco più di 20 minuti arriva la gran conclusione da fuori area di Badelj, un assist quasi perfetto per il primo goal in serie A del giovane Chiesa che però non riesce a sfiorare la palla: 2 a 0 per la Fiorentina. Il raddoppio viola però non dura molto, poco dopo 7 minuti, Khedira mette in mezzo e Higuain non sbaglia, accorciando così le distanze davanti ad un pubblico incredulo. Ma la Fiorentina non molla nonostante la sofferenza e una Juve che prova a risalire ogni volta che ne ha l'occasione, la viola resiste così all'assalto finale bianconero rischiando addirittura di sigliare il 3 a 1 con Ilicic che si "mangia" un goal a porta vuota.

Dopo sei interminabili minuti di recupero l'arbitro Banti fischia la fine della partita permettendo finalmente ai tifosi viola di esultare, goire e celebrare la propria squadra. La Fiorentina torna così a vincere nella partita dell'anno dopo tre anni da quel 4 a 2 che ha fatto sognare una città intera. Sono solo 30 i punti di Paolo Sousa e la sua squadra, forse troppo pochi, ma quello che si è visto in campo contro la Juve fa sperare in una seconda parte di campionato diversa con una Fiorentina finalmente protagonista. E in attesa della chiusura del calciomercato ci godiamo questo momento certi che il futuro viola con Bernardeschi e Chiesa potrà regalare grandi soddisfazioni.

Camilla Pollini