Home > Webzine > Trisomia 21: murales contro il muro del pregiudizio e della discriminazione
domenica 17 novembre 2019

Trisomia 21: murales contro il muro del pregiudizio e della discriminazione

25-05-2017

Come vedono i giovani lo sport? E soprattutto, come lo vivono e cosa si aspettano? Nasce quasi per caso, in casa di Trisomia 21, l'idea di realizzare un murales per tentare di abbattere il muro del pregiudizio e della discriminazione.

Un muro contro un muro, un gioco di parole che ben si presta a descrivere il fine di questo progetto. Cinquanta ragazzi dai 16 ai 19 anni provenienti dalle aule del Liceo Agnoletti di Sesto Fiorentino e da quelle di Trisomia 21 (associazione che da 38 anni si occupa di persone con sindrome di Down) si trovano, si conoscono, si confrontano e si esprimono raccontando come, volendo, si possono superare le barriere nello sport, e nella vita. Lo fanno disegnando insieme un murales nel cuore di Firenze. Tutto ciò si è reso possibile grazie alla preziosa collaborazione dell’Accademia delle belle arti di Firenze e al sostegno del Comune di Firenze negli assessorati alle Politiche giovanili e al Welfare che, individuando uno spazio significativo, hanno rafforzato quello che vuole essere un messaggio culturale forte.

Un lavoro che, tra progettazione e realizzazione, li ha tenuti impegnati per sette mesi e che si è concluso giovedì 25 maggio alla biglietteria della stadio Ridolfi, angolo viale Paoli (davanti allo stadio 'A. Franchi'), con gli assessori Sara Funaro e Andrea Vannucci, presente inoltre Giancarlo Antognoni per Ac Fiorentina.

Info: http://at21.it