Home > Webzine > Sulla scia dei giorni: incontro con Vandana Shiva al Teatro Niccolini
sabato 16 novembre 2019

Sulla scia dei giorni: incontro con Vandana Shiva al Teatro Niccolini

27-01-2018

Vandana Shiva sarà protagonista del sesto appuntamento del ciclo di incontri ‘Sulla scia dei giorni’ dedicato al tema della responsabilità, ideato e promosso da Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze col Patrocinio di Regione Toscana, Comune di Firenze e Università di Firenze e realizzato in collaborazione col Teatro Niccolini (che li ospita) e con la Fondazione File. L’ecologista di fama internazionale parlerà di ‘Responsabilità e ambiente’, sabato 27 gennaio alle ore 10.30 al Teatro Niccolini (Ingresso libero, prenotazione obbligatoria) e sarà presentata dal Professore emerito di climatologia all’Università di Firenze, Presidente dell’Accademia dei Georgofili e Fondatore e Presidente dell’Osservatorio dei Mestieri d’Arte delle Fondazioni Bancarie italiane (OMA) Giampiero Maracchi.

I prossimi relatori sono: Iona Heath (10-2), don Virginio Colmegna (24-2), Nicola Piovani (17-3) e Sabino Cassese (24-3). Tutti gli incontri si svolgono alle 10.30 al Teatro Niccolini, salvo diversa indicazione.

Vandana Shiva, nata in India nel 1952, è un’ecologista e attivista di fama mondiale, nota per la chiarezza delle sue posizioni in tema di ambiente, sistemi di agricoltura e alimentazione, temi sui quali ha scritto numerosi libri e pubblicazioni. Laureata in fisica quantistica presso la University of Western Ontario (Canada), nel 1982 ha fondato il Research Foundation for Science, Technology and Ecology, un istituto indipendente di ricerca sui problemi dell'ecologia sociale, e, nel 1984, Navdanya (‘nove semi’) il movimento in difesa della biodiversità e i piccoli agricoltori. (www.navdanya.com,), che ha aperto nel 2011 la propria sede italiana, Navdanya International. Ha ricevuto numerosi premi, tra i quali il ‘Right Livelihood Award’, detto anche ‘Alternative Nobel Prize’, per aver posto l’ecologia e le donne al centro dell’agenda dello sviluppo internazionale. Nel 2003, Time Magazine l’ha celebrata come un "eroe" dell’ambiente e Asia Week l'ha definita uno dei cinque comunicatori più potenti dell'Asia. Per le sue capacità espositive e di comunicazione è considerata una delle più autorevoli teoriche dell’ecologia sociale e ha prestato consulenza a governi, istituzioni e organizzazioni in tutto il mondo.