Home > Webzine > "Noi NON ce la giochiamo", convegno sulla ludopatia a Villa Arrivabene
mercoledì 28 ottobre 2020

"Noi NON ce la giochiamo", convegno sulla ludopatia a Villa Arrivabene

17-11-2018

Sabato 17 Novembre 2018 alle ore 9 presso il Consiglio di Quartiere 2 - Villa Arrivabene - in Piazza Alberti, a cura dell'Associazione  AICS Solidarietà Firenze  si svolge il Convegno: “Noi NON ce la giochiamo - Ludopatia, un problema sociale, una dipendenza patologica che  compromette la vita nel complesso universo del gioco d'azzardo“.

La ludopatia è una malattia descritta come ” l’incapacità del soggetto che ne è colpito di resistere all’impulso di giocare d’azzardo o fare scommesse “. Nel 2017 gli italiani hanno speso circa 96 miliardi di euro tra videolottery, bingo, scommesse virtuali, pronostici sportivi e altri giochi d'azzardo. Nell’ultimo anno 18 milioni di italiani adulti (uno su tre) hanno giocato d’azzardo almeno una volta e di questi più di 1 milione e mezzo sono giocatori così detti  problematici. Sono in molti a non riuscire a controllarsi: in Italia, le statistiche parlano di oltre 12 mila  persone in cura per ludopatia nelle strutture sanitarie pubbliche.

Al Convegno, presentato dal presidente dell'Associazione AICS Solidarietà Firenze Gabriele Brogelli e presieduto dall'Onorevole Rosa Maria Di Giorgi, partecipano le Associazioni Libera  Toscana, Cittadinanza Attiva, Antropologiche e la Cooperativa Gustavo Console. Negli interventi dei relatori verranno illustrate innanzitutto le leggi vigenti a livello sia nazionale che regionale e i regolamenti comunali che riguardano il gioco d'azzardo. Verranno approfondite  le implicazioni che portano ad un forte interesse della criminalità organizzata nei confronti di coloro che a seguito delle perdite al gioco sono costretti a ricorrere a prestiti onerosi e usurai. Le donne non sono certamente esenti dal fenomeno della ludopatia. Si prende quindi in esame anche questo aspetto, generalmente sottovalutato  ma che le statistiche sottolineano come molto diffuso  e che riveste una forte incidenza sulla vita delle relazioni umane e familiari.

Hanno fornito la propria collaborazione il CESVOT(Centro Servizi Volontariato Toscano), il Comune di Firenze - Quartiere 2, il Comitato prov.di AICS e l'emittente radiofonica regionale “Radio Toscana”. Banca Etica ha concesso all'iniziativa il proprio patrocinio gratuito.

Per maggiori informazioni: www.aicssolidarieta.it