Home > Webzine > ''Tagherie'', un percorso formativo per immigrati
lunedì 11 novembre 2019

''Tagherie'', un percorso formativo per immigrati

19-01-2005
"Tagheire" in arabo significa cambiare, questa parola è stata scelta come titolo del percorso formativo dedicato agli immigrati realizzato dall'Associazione culturale Fabbrica Europa in collaborazione con le associazioni Rete di Indra Onlus ed Eurotrain e con il contributo del Fondo Sociale Europeo. Nell'ambito del progetto "Tagheire" si è svolto alla Biblioteca Comunale Centrale l'incontro "Immigrazione e tutela dei minori: un impegno di legge e di umanità". Con l'introduzione di Lucia De Siervo, Assessore alle Politiche per l'accoglienza e l'integrazione del Comune di Firenze, Don Gino Rigoldi, Cappellano dell'istituto penale per minorenni Cesare Beccaria di Milano, ha presentato il suo impegno concreto nel dare fiducia e accoglienza a giovani oppressi dalla solitudine nella crescita in una terra straniera.Lo spettacolo teatrale realizzato insieme ai 40 partecipanti al percorso formativo (provenienti da Marocco, Tunisia, Algeria, Costa d'Avorio, Senegal, Liberia, Nigeria, Somalia, Giordania, Brasile, Colombia, Cile, Cuba, Giamaica, Sri Lanka, India, Cina, Filippine, Albania, Kosovo, Romania) sarà presentato nel maggio 2005 alla Stazione Leopolda nell'ambito della XII edizione del festival Fabbrica Europa.

di Annelisa Miglietti