Home > Webzine > Get on Board: le istanze dell'Africa arrivano al G8
giovedì 21 novembre 2019

Get on Board: le istanze dell'Africa arrivano al G8

20-06-2005

Un’iniziativa per portare ai potenti del G8 le istanze delle comunità del sud del mondo. E’ “Get On Board-diamo voce all’Africa” un viaggio promosso Action Aid, associazione internazionale con sede principale a Johannesburg in Sudafrica, che promuove da trent’anni (oltre 15 in Italia) progetti per le comunità del sud del mondo. Un matatu, bus locale sudafricano molto usato dalla povera gente per gli spostamenti locali, è partito proprio da Joannesburgh il 31 marzo ed ha attraversato vari paesi africani (Mozambico, Malawi, Tanzania, Uganda, Kenia), con il compito di raccogliere le richieste dei poveri africani e portarle attraverso Italia, Francia e Gran Bretagna a Gleanagles, in Scozia, dove il 6 e 7 luglio prossimi si terrà il vertice del G8. I messaggi raccolti durante il tragitto africano di Get On Board sono stati oltre centomila e riguardano maggiormente la povertà, l’HIV, la corruzione, la fame. Sul sito www.getonboard.it si possono trovare il percorso, i dettagli e le foto del viaggio e di coloro che hanno partecipato all'iniziativa. L'autobus africano è stato ricevuto anche dalle istituzioni italiane. In particolare il sindaco di Roma Walter Veltroni ha manifestato la propria vicinanza e quella della capitale alle istanze di Action Aid. Il direttore generale dell’organizzazione Ramesh Singh ha elencato quali saranno le richieste che l'organizzazione rivolgerà ai leader riuniti in Scozia: la cancellazione totale del debito non limitata a pochi paesi, la creazione di un meccanismo chiaro e trasparente per mettere in atto tale provvedimento, che ogni paese sviluppato raggiunga l’obiettivo fissato dello 0,7% del Pil da destinare gli aiuti ai paesi in via di sviluppo, regole chiare ed eque per il commercio.

di Duccio Tronci