Città di Firenze
Home > Webzine > Cooperazione internazionale: a Firenze Forum e contro-Forum
venerdì 21 giugno 2024

Cooperazione internazionale: a Firenze Forum e contro-Forum

28-10-2005

Si sono aperte a Firenze le "Giornate della cooperazione internazionale" organizzate dal Ministero degli Affari Esteri. Nel Salone dei Dugento di Palazzo Vecchio si è svolto il Forum dal titolo "La proposta italiana ed europea per gli Obiettivi del Millennio", al quale fra gli altri hanno partecipato il sottosegretario agli esteri Alfredo Mantica, il direttore generale della Cooperazione Italiana, Giuseppe Deodato e i rappresentanti dei Paesi appartenenti al Gruppo dei '77. Un tema controverso quello della cooperazione internazionale. E puntuali infatti, hanno fatto sentire la loro voce anche i "contestatori" del modo di fare cooperazione in Italia. La campagna Sbilanciamoci! (cartello di associazioni che riunisce oltre 40 aderenti) ha addirittura organizzato un contro-Forum, che si è svolto sempre a Palazzo Vecchio, alla presenza dei rappresentanti delle ONG che operano nel settore e del mondo dell’associazionismo. Un'occasione per dare spazio alle voci del mondo della solidarietà internazionale e chiedere al Governo italiano di cambiare rotta per rilanciare la politica pubblica italiana di cooperazione allo sviluppo. E per esprimere il malcontento i rappresentanti delle ONG hanno organizzato un presidio davanti a Palazzo Vecchio e poi sono saliti fino nel salone de' Dugento, dove hanno pacificamente "invaso" la sala dove si svolgeva il Forum del Ministero degli Esteri. Deodato ha accolto il pacifico blitz con apparente apprezzamento per la "civiltà" della protesta che dimostra "l'attenzione che c'è nel nostro paesi verso questi temi". Proprio ieri lo stesso Deodato aveva cercato di rispondere alle accuse mosse durante il Forum alternativo. Durante il Forum Sbilanciamoci! ha presentato il "Libro bianco sulla cooperazione allo sviluppo 2006", un dossier completo con le proposte alternative della Campagna e con numeri che parlano chiaro sullo stato della coperazione italiana: l’Italia nell’ultimo anno è scesa all’ultimo posto fra i paesi industrializzati nella classifica OCSE della cooperazione, destinando al settore soltanto lo 0,15% del PIL, contro una media europea che invece si attesta allo 0,36%.

di Duccio Tronci