Home > Webzine > Indulto, Di Pietro denuncia l'inciucio
venerdì 22 novembre 2019

Indulto, Di Pietro denuncia l'inciucio

27-07-2006
"Non mi meraviglierei se riuscissimo a votare sull'indulto nella tarda serata di sabato. E' una possibilità, però l'aula è sovrana". Il presidente del Senato Franco Marini risponde ai giornalisti che gli chiedono un commento all'appello di Capezzone per un rapido esame del ddl sull'indulto appena approvato dalla Camera. Marini ricorda che il provvedimento è già stato calendarizzato per la mattina di sabato. Sì dell'Aula della Camera al provvedimento sull'indulto. Il testo, su cui è stata raggiunta la maggioranza dei 2/3 richiesta dalla Costituzione, ora passa al Senato. I voti a favore sono stati 460, quelli contrari 94, 18 gli astenuti. Il risultato della votazione è stato salutato da un forte applauso. La maggioranza richiesta era di 420 voti. E' "un patto scellerato", un "abbassamento del livello etico", uno "sbracamento delle istituzioni", "il Parlamento ha svenduto la propria dignità" frasi con cui Di Pietro ha bollato l'indulto. Con l'indulto ricordiamo che oltre 12mila carcerati saranno liberi e molti altri avranno uno sconto di pena di 3 anni.