Home > Webzine > Il ''Villaggio dei diritti'': 900 alunni contro lo sfruttamento minorile
mercoledì 21 ottobre 2020

Il ''Villaggio dei diritti'': 900 alunni contro lo sfruttamento minorile

18-04-2004

Il diritto di giocare, di studiare, di "essere ascoltato perché non sono invisibile", di avere una casa e una famiglia. Sono questi i diritti dei bambini che circa 900 alunni di venti scuole elementari e medie della città hanno individuato, conosciuto e confrontato con quello che succede veramente in alcuni paesi del mondo. Il progetto, inserito all'interno delle offerte formative dell'Assessorato alla pubblica istruzione "Le Chiavi della città", si chiama "Il Villaggio dei diritti" e il Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio è stato riempito da disegni, cartelloni, testimonianze, racconti e domande dei bambini fiorentini ma anche di una rappresentanza di ragazzi del Brasile e del Perù. La giornata, aperta dall'intervento dell'assessore alla pubblica istruzione Daniela Lastri, ha rappresentato il momento culminante del lavoro svolto in 38 classi sullo sfruttamento e il lavoro minorile, oltre all'approfondimento sui diritti e il benessere dei bambini. "Questo progetto è nato quattro anni fa con la partecipazione di 150 bambini che oggi sono diventati 900 con una presenza costante e fattiva delle scuole fiorentine al lavoro di conoscenza e di approfondimento sui diritti dei bambini -ha sottolineato l'assessore Lastri- Questi numeri ci dicono che siamo cresciuti insieme in un percorso educativo che ci dà l'opportunità di conoscere le condizioni di vita dei bambini di tutto il mondo e di impegnarsi perché il diritto all'istruzione, al gioco, ad avere una famiglia diventino patrimonio intoccabile di ogni bambino".