Home > Webzine > Alimentazione: anche il Ddt nel nostro menu
martedì 19 novembre 2019

Alimentazione: anche il Ddt nel nostro menu

01-10-2006
I composti chimici contaminano ancora troppo pericolosamente i prodotti che tutti i giorni finiscono sulle nostre tavole. E' l'allarme che arriva da un nuovo dossier realizzato dal Wwf in vista del voto finale sul Reach, il regolamento Ue contro l'inquinamento chimico. In particolare sono ben 119 le sostanze tossiche appartenenti a otto diversi gruppi di composti chimici rinvenute nei 27 campioni di alimenti di largo consumo presi in esame in sette paesi europei. Secondo il rapporto, la principale via di esposizione alla maggior parte delle sostanze chimiche, in particolare quelle persistenti e bioaccumulabili (come il Ddt e i Pcb banditi da decenni), è proprio l'alimentazione. I 27 campioni di alimenti, provenienti da Gran Bretagna, Polonia, Svezia, Italia, Spagna, Grecia e Finlandia, appartengono a categorie molto diverse l'una dall'altra: prodotti caseari (latte, burro e formaggio), carne (salsicce, petti di pollo, salame, bacon), pesce (salmone, tonno, aringhe) e ancora pane, olio d'oliva, miele, succo d'arancia. Nessuno dei prodotti, tutti comprati in supermercati e di marche comuni - afferma il Wwf - è risultato esente da tracce di sostanze chimiche. Nell'ambito della ricerca è stato anche effettuato un particolare test su campioni di lasagna, acquistate nei supermercati di quattro città italiane, nei quali sono stati rintracciati più di 40 pesticidi, tra cui il Ddt. "I livelli di contaminanti rilevati negli alimenti analizzati non sono in grado di causare conseguenze dirette o immediate sulla salute (i consumatori non devono allarmarsi o evitare questi cibi) - prosegue il Wwf - ma deve essere seriamente valutato l'effetto di un'esposizione cronica, anche a basse dosi di un cocktail di contaminanti attraverso la dieta, soprattutto nel feto in via di sviluppo, nei neonati e nei bambini". Per sensibilizzare i politici di Bruxelles sulle sostanze chimiche pericolose alla vigilia del voto di REACH il Wwf ha prodotto uno spot shock, scaricabile sul sito www.wwf.it (http://detox.panda.org/tvspot/index.cfm).

di Duccio Tronci