Home > Webzine > Firenze assegna il Sigillo di Pace a Daisaku Ikeda
domenica 17 novembre 2019

Firenze assegna il Sigillo di Pace a Daisaku Ikeda

22-03-2007
Il Sigillo della Pace della città di Firenze va a Daisaku Ikeda, filosofo e saggista, presidente della Soka Gakkai Internazionale, una delle più grandi associazioni buddiste del mondo. A rititrare il riconoscimento (in passato assegnato a personalità come Giovanni Paolo II, Kofi Annan e Michail Gorbaciov) sarà il figlio di Ikeda, Hiromasha, nel corso di una solenne cerimonia che si terrà domenica 25 marzo nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio (ore 11); in piazza della Signoria sarà allestito un maxischermo che trasmetterà in diretta le immagini. Tra i partecipanti all'evento, vi saranno personaggi della cultura, della politica e dello sport, tra cui anche l'attrice Sabina Guzzanti (per l'Istituto italiano Soka Gakkai) e il portiere della Fiorentina Sebastien Frey. Già premiato da Firenze nel 1992 con il Fiorino d'Oro, Ikeda è un intellettuale che rappresenta il costante sostegno dei valori del dialogo e del rispetto dei diritti umani, promuovendo iniziative in tutto il mondo attraverso istituzioni culturali e scuole ed appoggiando l'azione dell'Onu. Figlio della tragica espeirenza della bomba atomica che devastò il Giappone nel 1945, Ikeda abbraccia il pacifismo prima e il Buddismo poi come elementi fondamentali per la realizzazione di una società pacifica - attraverso appunto l'associazione buddhista Soka Gakkai. Dal 1983, il 26 gennaio di ogni anno - in occasione del giorno commemorativo della Soka Gakkai Internazionale - Ikeda pubblica una proposta di pace che invia alle Nazioni Unite; è anche autore di numerosi libri, pubblicati e tradotti in più lingue, tra cui i "Dialoghi", frutto di incontri con personalità di spicco del mondo culturale, sociale, politico ed economico - da Mandela a Castro, da Kissinger a Zhou En Lai - con l'obiettivo di diffondere la pace e il dialogo fra culture e popoli diversi.