Home > Webzine > Camping? No, parco
lunedì 26 ottobre 2020

Camping? No, parco

29-05-2007
Un polmone verde a due passi dalla città, o meglio dentro la città. La collina di San Miniato e l'Arno sono questo, e devono diventare una risorsa unica per cittadini e turisti, un terreno di scoperta e di svago dove è possibile ammirare uno dei più bei panorami del mondo. Da qui nasce l' idea del cosiddetto il "parco degli ulivi", un anello verde di 300 ettari di superficie interamente destinati all' uso pubblico. Un unico percorso pedonale che congiunge il fiume alla collina e li collega per intero, tra boschi, panorami, giardini, quartieri storici, chiese e monumenti. Questa mattina, in Palazzo Vecchio, il presidente della commissione qualità urbana Giovanni Varrasi, gli assessori Gianni Biagi, Claudio del Lungo e Silvano Gori, hanno presentato la "previsione urbanistica" che sarà inserita nel piano strutturale e che nel giro di qualche anno porterà alla realizzazione del progetto. Il parco comprenderà tutte le aree di proprietà pubblica adiacenti ai viali, come l'attuale campeggio sotto il Piazzale Michelangelo, il giardino dell'Iris, il giardino e la Casina delle Rose, la passeggiata delle Rampe, i giardini pubblici del Giramonte e del Bobolino, lo stesso piazzale Michelangelo, il Forte di Belvedere, il giardino di Boboli, il parco Bardini, le Scuderie reali, l'osservatorio di Arcetri, il giardino Torrigiani e così via.