Home > Webzine > Gli italiani secondo Eures
domenica 04 dicembre 2022

Gli italiani secondo Eures

17-05-2004

Molto aperti su questioni come eutanasia, fecondazione artificiale, clonazione, aborto, voto agli immigrati, conservatori invece riguardo a droghe leggere, matrimonio tra gay, prostituzione: sono gli italiani del terzo millennio, come li fotografa il primo Rapporto Eures su orientamenti e valori della pubblica opinione. Il Rapporto, realizzato su un campione di duemila cittadini di età superiore ai 14 anni su tutto il territorio nazionale, è stata effettuata nel periodo che va dal 10 dicembre 2003 al 10 febbraio 2004.

EUTANASIA, FAVOREVOLI 6 SU 10. Il 61,6% degli intervistati si dichiara favorevole alla 'buona morte' nei casi di grave malattia; il 21,3% è contrario, l' 11,5% indeciso.

FECONDAZIONE ETEROLOGA, IL 54% DICE SI'. La maggior parte del campione è favorevole contro un 29% contrario; i più convinti sostenitori sono i giovani, mentre nella fascia over 54 si registra la maggiore contrarietà.

CLONAZIONE TERAPEUTICA, IL 61%FAVOREVOLE. Appena il 25,2% del campione è contrario alla clonazione di organi e tessuti umani a fini terapeutici; netta prevalenza di consensi tra gli uomini. Più numerosi i favorevoli nella fascia di età 35-54 anni.

SI' A INSEGNAMENTO RELIGIONE. Gli italiani che affermano di voler mantenere l'insegnamento della religione cattolica nella scuola pubblica sono il 61,6%, contro appena il 19,3% di contrari.

VOTO AGLI IMMIGRATI, D'ACCORDO IL 56%. Contrario a concedere il diritto di voto agli immigrati residenti in Italia è solo il 29,2% del campione.

NO A LEGALIZZAZIONE DROGHE LEGGERE. Contrario il 53,3% del campione, favorevole il 34% con prevalenza tra gli uomini.

DIVORZIO AMPIAMENTE CONDIVISO. Il 77,1% degli intervistati continua ad approvare la legge sul divorzio, a fronte di un ben più esiguo 10,2% che ha una posizione contraria.

ABORTO, IL 59% NON RINUNCIA. Dice no invece il 28,7%. Le donne, con 8 punti percentuali di scarto rispetto alla componente maschile, difendono con maggiore convinzione il loro diritto di decidere.

MATRIMONIO GAY, D'ACCORDO SOLO IL 36,1%. Il 42,7% degli intervistati si dichiara contrario al matrimonio tra persone omosessuali, il 17,7% è indeciso. Gli uomini e le persone oltre i 54 anni risultano piu' in difficolta' rispetto a questa tematica. Contrari al matrimonio tra gay 6 cittadini su 10.

CASE CHIUSE, PER IL 60,5% MEGLIO RIAPRIRLE. Poco più di un italiano su 5 è contrario. Comprensibilmente, sono più favorevoli gli uomini delle donne, ma anche tra le donne una percentuale maggioritaria si esprime a favore.

PENA DI MORTE, IL 74% NON LA VUOLE. Solo il 17,7% è favorevole, più gli uomini delle donne.

ARMI? NO, GRAZIE. L' 88,4% degli intervistati si dichiara contrario alla liberalizzazione della vendita di armi ai comuni cittadini, rispetto al 6% dei favorevoli.