Home > Webzine > Iniziativa per la libertà di informazione in Birmania
mercoledì 20 novembre 2019

Iniziativa per la libertà di informazione in Birmania

01-10-2007
Mentre è in corso di svolgimento la visita in Birmania dell'inviato speciale dell'ONU Gambari per cercare di porre un freno alla repressione che la giunta militare al potere sta attuando contro la protesta pacifica avviata nei giorni scorsi da migliaia di monaci buddhisti sostenuti da una popolazione civile esasperata da decenni di oppressione e povertà, si moltiplicano anche a Firenze le iniziative di solidarietà. In segno di vicinanza la popolo birmano, drappi rossi bordano da gioni le bandiere di Palazzo Vecchio e Palazzo Bastogi, sede di Comune e Regione Toscana. Intanto si mettono in piedi manifestazioni di sensibilizzazione e raccolta fondi: l'Arci di Firenze e NovaradioCittàFutura hanno organizzano per martedì 2 ottobre l’incontro "Birmania: in difesa della libertà d'informazione" per lanciare una campagna di raccolta fondi per Irrawaddy, magazine indipendente e sito web curato da giornalisti birmani. Interverranno Cecilia Brighi, Cisl ‘relazioni internazionali’ e autrice del libro ‘Il pavone e i generali’; Giovanni Montalbetti, editore del sito www.aungsansuukyi.it; Raimondo Bultrini, giornalista di Repubblica in diretta dal confine birmano-thailandese; coordina Francesca Chiavacci, presidente Arci Firenze. All’incontro parteciperanno rappresentanti dell’Fnsi. Appuntamento è per le 18, presso la sede dell'Arci (p.zza dei Ciompi 11).