Home > Webzine > Strage di Stazzema: l'accusa chiede di annullare le condanne
mercoledì 07 dicembre 2022

Strage di Stazzema: l'accusa chiede di annullare le condanne

06-11-2007

Annullamento con rinvio delle condanne all'ergastolo per la strage di Sant'Anna di Stazzema (LU) nei confronti di un ufficiale e due sottufficiali nazisti delle SS che diedero gli ordini per il rastrellamento e l'uccisione di circa 500 civili, soprattutto donne e bambini. E' la richiesta che è stata fatta dal sostituto Procuratore generale militare della Cassazione Vittorio Garino, che in pratica ha chiesto ai giudici della Prima sezione penale della Cassazione che si celebri un nuovo processo di appello. "Devo fare quello che mi dice la mia coscienza - ha spiegato il Pg Garino, parlando a margine della sua requisitoria - nonostante i fatti contestati agli imputati siano gravissimi e raccapriccianti". Il Pg ha inoltre sottolineato che nei confronti dei tre nazisti "manca la prova della loro presenza fisica a Sant'Anna di Stazzema". Immediata la reazione del sindaco di Sant'Anna Michele Silicani: "La verità sulla strage di Sant'Anna di Stazzema è mancata per 60 anni: adesso è una vergogna che la Procura della Cassazione abbia chiesto di annullare le condanne per i tre nazisti a fronte di tutto il lavoro certosino fatto dalla Procura militare di La Spezia. Vogliamo dallo Stato una parola di verità su questa pagina di storia scritta dal sangue di 500 vittime".