Home > Webzine > A Firenze sventolano le bandiere della pace
giovedì 21 novembre 2019

A Firenze sventolano le bandiere della pace

11-01-2003
Il Gonfalone della Toscana sfilerà alla manifestazione per la Pace, sabato 15 Febbraio a Roma. Ad annunciarlo il Presidente della Regione Claudio Martini che prenderà parte al corteo. Da mercoledì 11 Febbraio, anche su Palazzo Bastogi, sede della Regione a Firenze, sventola la bandiera multicolore della Pace: il vessillo è stato posizionato accanto al Tricolore italiano e alle bandiere della Regione e dell'Unione Europea. "Una precisa scelta di solidarietà -ha spiegato Martini- a tutte quelle Amministrazioni che hanno già esposto la bandiera, a cominciare dal Comune di Firenze". E le polemiche non si sono fatte attendere: il Prefetto di Firenze, Achille Serra, ha invitato le Amministrazioni a rimuovere le bandiere dalle facciate dei Palazzi Istituzionali, su richiesta della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Secondo Palazzo Chigi infatti le uniche bandiere che possono essere esposte sono quelle nazionali e quella europea. Immediata la risposta del sindaco di Firenze Leonardo Domenici: "La bandiera della pace è un simbolo che si richiama a un valore universale. Mi auguro che non si voglia far diventare la sua esposizione dai palazzi comunali una sfida politica". Il Sindaco di Firenze si è appellato all'autonomia degli Enti Locali ricordando che l'esposizione è stata approvata dal Consiglio Comunale. Anche in Regione fanno sapere che, per il momento, la bandiera resterà dov'è. Intanto nel capoluogo toscano cresce il numero di quanti, privati cittadini, associazioni, o commercianti hanno aderito alla campagna "Fuori l'Italia dalla Guerra", esponendo le bandiere alle finestre di abitazioni o uffici: e dopo i commercianti del mercato di S. Ambrogio, anche a quelli del Mercato delle Cascine sono state consegnate più di 300 insegne multicolori. Le bandiere della Pace si possono trovare al Villaggio dei Popoli di via dei Pilastri, nelle sedi della Cgil, e in quelle dell'Arci.

Una "Tenda della Pace" allestita in piazza delle Repubblica a Firenze vi rimarrà fino al 14 febbraio, vigilia della grande manifestazione di Roma contro l'intervento militare in Iraq. Il comitato promotore della Tenda, composto da associazioni, partiti, istituzioni, sindacati ha espresso «un no incondizionato a tutte le guerre». In piazza della Repubblica ma anche in Palazzo Vecchio, nel Palagio di Parte Guelfa e all'auditorium del consiglio regionale si terranno dibattiti, conferenze ed incontri. «L'opposizione contro la guerra - ha spiegato il presidente della commissione pace Lorenzo Marzullo - sta diventando sempre più massiccia. Ma non per questo diminuisce l'importanza di informare i cittadini sulle gravi conseguenze che un conflitto in Iraq potrebbe avere in tutto il mondo e soprattutto nel Medio Oriente, già teatro di altri conflitti. Questa iniziativa, perciò, vuol chiamare i fiorentini ad una riflessione sui valori della pace e sulla necessità di fermare l'escalation militare». «Per questo - ha concluso il presidente della commissione pace - invito i fiorentini a partecipare numerosi alle molteplici iniziative in calendario».

Giovedì 13 febbraio 2003 ore 17.30 presso la "Tenda della Pace" PRESENTAZIONE DEL LAVORO SVOLTO DAL GRUPPO BASTAGUERRA del Social Forum di Firenze ore 21.00 presso Salone de' 200 Palazzo Vecchio - Firenze DIRITTO ALLA PACE, DIRITTO INTERNAZIONALE, COSTITUZIONE con Danilo Zolo e Umberto Allegretti a cura del Comitato Difesa della Costituzione P. Calamandrei e di Emergency

Venerdì 14 febbraio 2003 ore 16.30 presso Istituto Gramsci toscano di FIrenze Incontro "Guerra Globale" : ne discuteranno Furio Cerutti e Carlo Galli

Venerdì 21 febbraio 2003 ore 21.00 presso il Circolo la Loggetta - via Aretina 301 Firenze "No alla guerra , no alle bombe per il petrolio" con Domenico Gallo (Associazione Giuristi Democratici), Lisa Clark (Beati i costruttori di Pace), John Gilbert e Abdul-Khaliq Isa (Comitato Iraq-Usa contro la guerra).