Home > Webzine > Fiorentina-Sampdoria: 2-2
mercoledì 20 novembre 2019

Fiorentina-Sampdoria: 2-2

28-04-2008
Con un pareggio all'ultimo secondo, a Firenze la Sampdoria riagguanta una partita che sembrava chiusa: due delle pretendenti ad un posto in Champions si spartiscono la posta, mentre il Milan ne approffitta, scavalcando la Sampdoria in classifica e cosi porta a soli 2 punti dalla squadra viola che mantiene il quarto posto. Questa la diretta conseguenza del 2 a 2 cui hanno assistito gli spettatori al Franchi per Fiorentina-Sampdoria. Gara vibrante, come ci si aspettava alla vigilia: fin dall'inizio sono i viola a fare la partita, ma le vere occasioni latitano. Una, clamorosa, è sui piedi di Kuzmanovic, che al 28' intercetta un travesrone ma spedisce sul palo. Nella ripresa è ancora la Fiorentina che attacca (occasioni con Montolivo e Mutu) ma sono i blucerchiati che a sorpresa vanno in vantaggio con una discesa in area dell'ex Maggio: lasciato a tu per tu con Frey lo beffa con un tiro ravvicinato sotto le gambe. Prandelli opera due cambi e non sbaglia: entrano Vieri per Osvaldo e Liverani per Kuzmanovic. Proprio Vieri al 78'pareggia di testa su cross di Mutu. All'84' lo stesso Mutu si proicura un calcio di rigore che trasforma spiazzando il portiere. Sembra fatta, ma al 94' Gastaldello di testa acciuffa il pari e gela il Franchi. Nonostante le tante note positive che possono essere trovate nell'analizzare la partita - l'ottima condizione di forma a pochi giorni dall'impegno infrasettimanale in coppa Uefa e dale disavventure aeroportuali, la grinta e l'abnegazione di gruppo dimostrata dai gigliati dopo essere andasti sotto di un gol - rimane il fatto di avre lasciato sul campo due punti preziosissimi per la sfida in chiave Champions. E anche qualche preoccupazione: una squadra che rischia di pagare il grande sfrzo fisico (è la squadra che ha giocato più partite quest'anno) proprio nel momento topico della stagione,  alla vigilia del ritorno di semifinale di Coppa Uefa in casa con i rengers di Glasgow e, giovedì prossimo, e la difficile trasferta di domenica prosssima contro il Cagliari, squadra tra le più in forma del campionato ma ancora alla ricerca di punti salvezza. In una parola, d'ora in poi per essere tranquilli si deve solo vincere. D'altra parte anche le altre aspiranti alla Champions dovranno faticare per sorpassare la Fiorentina: a partire dal Milan, impegnato domenica prossima contro un Inter capolista che proprio contro i cugini meneghini cercherà i 3 punti che possono voler dire festa scudetto.