Home > Webzine > Ultra corretto
domenica 17 novembre 2019

Ultra corretto

07-05-2008
“Dobbiamo saper distinguere fra tifosi e teppisti, considerando questi come delinquenti che poco hanno a che spartire con il calcio, per riportare le famiglie allo stadio. Dopo un anno e mezzo che sono qui, posso dire che i tifosi di Fiorentina e Empoli sono un esempio positivo per il resto del paese”. Francesco Tagliente, questore di Firenze, parla anche di cultura della legalità e dell’importanza di avere i giovani in prima fila nel suo intervento all’incontro-dibattito “Ultra Corretto – La Passione sportiva”. Un’iniziativa nata dal progetto omonimo, promosso nel corso dell’anno scolastico 2007/08 dal Comitato Uisp di Firenze. L’iniziativa “Ultra Corretto”, finanziato dal Centro Documentazione Legalità Democratica della Regione Toscana, è nata come una campagna dei giovani per i giovani per un tifo senza ‘errori’ ed ha coinvolto in questi mesi più di 250 studenti, chiamati a realizzare spot e mini-campagne promozionali. Il progetto intende valorizzare e difendere la cultura popolare e sociale del tifo, con la volontà di affermare la cultura dello sport e la parte positiva della passione sportiva, fatta di valori e voglia di stare insieme, negando invece quello che molte volte appare sulle televisioni e sui giornali: il tifo violento, il tifo razzista. Nelle scuole interessate si è così svolto un confronto ed un lavoro educativo con insegnanti e operatori Uisp, teso a promuovere quegli atteggiamenti e quelle idee positive che anticipano tutti i comportamenti che possono poi portare a negare quelli che sono i valori dello sport, come violenza e intolleranza.