Home > Webzine > Giornata del rifugiato
mercoledì 30 novembre 2022

Giornata del rifugiato

19-06-2008
In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, che si celebra il 20 giugno, dedicata quest’anno, nel 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, al tema della protezione, Prefettura, Comuni di Firenze e Borgo San Lorenzo, Caritas e Arci hanno fatto oggi il punto sugli interventi a favore dei rifugiati e richiedenti asilo realizzati in provincia di Firenze attraverso le esperienze di Villa Pieragnoli e del Villaggio La Brocchi. Un sistema capace di offrire accoglienza e integrazione che funziona bene da alcuni anni ma che necessita di un supplemento di impegno perché sono tanti coloro che richiedono asilo in Italia. Nel 2007 sono state presentate su tutto il territorio nazionale 14.300 domande di asilo: all’11% è stato riconosciuto lo status di rifugiato, mentre al 45% è stato concesso un permesso di soggiorno di tre anni in attesa di fare chiarezza sulla posizione dei richiedenti. A Firenze sono in attesa di riconoscimento 84 persone. I due enti aderiscono infatti al Piano Nazionale Asilo che il Ministero dell’Interno ha promosso nel 2001, in collaborazione con l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati e l’ANCI, con l’obiettivo di creare una rete nazionale di servizi in grado di accogliere e sostenere i cittadini stranieri richiedenti asilo. Il progetto di “Villa Pieragnoli”, promosso dal comune di Firenze e gestito dalla Caritas e dall’associazione “Accoglienza Toscana”, ospita attualmente 55 rifugiati e offre vitto, alloggio, vestiario, assistenza sanitaria, inserimento scolastico per i minori, formazione e riqualificazione professionale, orientamento al lavoro, informazione nel disbrigo di pratiche burocratiche, corsi di lingua italiana, sostegno nella ricerca di alloggio, consulenza legale. Servizi analoghi sono offerti dal Villaggio La Brocchi di Borgo San Lorenzo che dall’inizio dell’attività ha ospitato 118 persone, di cui 57 minori.