Home > Webzine > Cpt toscano a Campi Bisenzio? La politica locale insorge
mercoledì 20 novembre 2019

Cpt toscano a Campi Bisenzio? La politica locale insorge

31-07-2008
Il governo ha individuato nell'area ex Dirigibili, un ex hangar di Sant'Angelo a Lecore a Campi Bisenzio (FI) il sito più adatto dove realizzare il nuovo centro di Identificazione ed Esplusione (l'erede dei vecchi Cpt) per la Toscana, il luogo dove indirizzare gli immigrati irregolari in attesa di espulsione. Il via libera e' stato dato da un sottosegreatrio al Ministero della Difesa in sede di comitato parlamentare. E' un terreno incolto di proprieta' del demanio. La notizia ha fatto scattare immediatamente le reazioni della politica locale. Il sindaco di Campi Adriano Chini lamenta l'assoluta mancanza di dialogo tra enti locali e Roma e definisce la scelta del luogo per il Cpt "strana e incomprensibile", anche perché quell'area nei progetti del Comune avrebbe dovuto essere destinata ad sopitare una cassa d'espansione ed un parco eolico, progetto per il quale il Comune di Campi e' in trattativa con il demanio per l'acquisto dell'area. Nettamente contraria è anche la regione Toscana, che denuncia come la decisione del governo sia avvenuta senza il minimo confronto con gli enti locali. "Ho troppo rispetto per le istituzioni - ha commentato il presidenmte della giunta regionale Claudio Martini - per pensare che su scelte del genere si possa procedere senza un confronto serio e aperto con i territori interessati e le loro amministrazioni". Più duro ancora l'assessore alla politica sociali Gianni salvadori: "Più che di centro di Identificazione ed Esplusiodne parlerei di carcere, visto che gli extra-comunitari potrebbero venire rinchiusi là anche fino a 18 mesi".