Home > Webzine > Progetto 'Rive Gauche' per l'Oltrarno fiorentino
mercoledì 07 dicembre 2022

Progetto 'Rive Gauche' per l'Oltrarno fiorentino

06-10-2008
Firenze come Parigi. Almeno per quanto riguarda la famosa “rive gauche”, la riva sinistra che a Firenze vuol dire Oltrarno. Anche nel capoluogo toscano c’è un progetto che punta a realizzare quello che è stato fatto nella capitale francese, ovvero riqualificare in senso culturale artistico - e turistico - la zona. Cinque le tappe del progetto: innanzitutto la riapertura del Museo Bardini (chiuso dal 1999), cui si aggiungerà il Museo del Porcellino, che ospiterà l’originale della scultura di Pietro Tacca raffigurante un cinghiale che rappresenta il simbolo del Marcato Vecchio. Verrà inoltre riaperta anche la Torre di San Niccolo (500mila euro per tre anni) e saranno restaurate anche le grotte delle rampe: le Grotte dell'Amore che verranno risistemate e protette da una cancellata sulla quale gli innamorati potranno attaccare anche un lucchetto. Il percorso del nuovo Oltrarno prosegue continua con le storiche stamperie di grafica il Bisonte (aperte nel 1959) e Beccatini. Un primo passo – secondo Giani - per porre le basi anche per il ripristino della Biennale di arte grafica a Firenze. Ultima tappa del percorso dell'Oltrarno riguarda l'apertura della Sacrestia della Chiesa di San Niccolò.