Home > Webzine > La filiera del cotone
giovedì 28 maggio 2020

La filiera del cotone

13-10-2008
Come funziona il mercato globale? La questione è difficle da districare ma può bastare seguire la filiera del settore tessile partendo da un prodotto semplice come il cotone per capirne qualcosa di più. Ed è da qui che parte il prossimo incontro, il terzo, del ciclo di approfondimento "Se non ora quando? Un mondo diverso comincia adesso" organizzati dall'assessorato ai nuovi stili di vita e consumo critico insieme allo Sportello Ecoequo del Comune di Firenze. La filiera del tessile è molto lunga e frammentata, simbolo della globalizzazione della produzione, tessuta da un filo di violazioni dei diritti e danni ambientali e per la salute, dal campo alla confezione, passando per la tintura. Relatore principale, dell'incontro del 13 ottobre, alle 18, presso la Sala Vetrate nell'ex complesso delle Murate, della serata sarà Alberto Zoratti, fondatore della cooperativa Roba e di Fair, è stato membro del direttivo di AGICES (assemblea generale italiana del commercio equo e solidale) e ha dato vita a diversi progetti sul tessile biologico ed equosolidale, tra cui Made in No. E' uno degli esponenti più rappresentativi del commercio equo e solidale italiano, e parlerà di tessile e di cotone,delle possibili alternative al commercio convenzionale, in particolare di un'esperienza, quella di Made in No, esempio di filiera trasparente, rispettosa dei produttori del sud come del nord del mondo, bioloogica e equa. Un ulteriore contributo sul cammino del cotone prodotto con criteri di equità e giustizia sarà offerto anche da Sara Passerini responsabile educazione dell'associazione il villaggio dei popoli.
Forme,sapori e abiti di paesi lontani
Lunedì 13 ottobre alle ore 18
Sala Vetrate nell'ex complesso de Le Murate
Piazza Madonna della Neve