Home > Webzine > Le politiche giovanili di Firenze
giovedì 21 novembre 2019

Le politiche giovanili di Firenze

08-01-2009
Politiche giovanili, il punto di 10 anni di attività dell'Assessorato. Dieci anni in cui si è sviluppato e rafforzato il dialogo con le realtà giovanili presenti sul territorio per ascoltare le esigenze dei giovani e trasformarle in attività concrete. Sono gli anni in cui si è sviluppato il lavoro per ilPortale Giovani per renderlo uno strumento concretamente vicino alle esigenze di informazione dei più giovani. Ma sono stati anche gli anni della conferma di uno dei concorsi musicali più conosciuto a livello regionale: Il Rock Contest, che ogni anno vede decine di gruppi rock confrontarsi a suon di colpi di chitarra e batteria. Matite per la pace, il concorso realizzato assieme ala scuola di Comics ha visto un crescere di partecipanti di qualità che tutti gli anni mettono in crisi la giuria che deve scegliere un solo vincitore per sezione. E ci sono i nuovi spazi che il Comune ha messo a disposizione in città per dare spazio alla creatività giovanile. Dall'Ex Fila di via Monsignor Leto Casini al bellissimo spazio dove ha sede l'Informagiovani, la Casa della Creatività in Vicolo Santa Maria Maggiore, così restituito, nel pieno centro della città, a tutti i giovani fiorentini e non solo. Il percorso di recupero di spazi dismessi, recuperati e destinati ad associazioni giovanili, è iniziato nel 2004 con l'ex scuola Bechi in via Attavante che tutt'oggi ospita “Stazione di confine” con 30 associazioni e un nido. Sempre del 2004 il recupero dello spazio dell'ex Asnu di via Mannelli per la cui nuova gestione è stato indetto un bando.L'informazione ai giovani si attua via web, attraverso il nostro Portale, ma anche sul territorio. L'Informagiovani, appena trasferito in vicolo Santa Maria Maggiore, che ha sviluppato tre direttrici principali: l'attivazione dello Sportello Eurodesk, per promuovere e sostenere la mobilità giovanile a livello europeo e internazionale; la Finestra Cooperazione, sportello di orientamento sul volontariato e la cooperazione internazionale. Infine la realizzazione e attivazione di corsi, laboratori e workshop: seminari orientativi, laboratorio di scrittura, workshop musicali, teatrali e di fumetto e l'organizzazione di eventi a livello di area metropolitana e nazionale con l'obiettivo di favorire la partecipazione e il protagonismo giovanile: promozione di concorsi a premi, meeting nazionali e Rock Contest. Infine il servizio Informagiovani realizza e distribuisce la Cartagiovani, meglio conosciuta come "Cartone", una tessera gratuita rivolta ai giovani tra i 14 e i 29 anni, grazie ad un protocollo di intesa con i Comuni dell'area metropolitana. Le politiche giovanili però in questi anni hanno anche riguardato l'accesso all'autonomia lavorativa e abitativa delle giovani generazioni. Il lavoro e la casa sono infatti due temi riconosciuti come centrali nell'ambito di politiche di promozione dell'autonomia dei giovani. Per questo è attivo il Piano Locale Giovani in collaborazione con il Ministero della Gioventù, per permettere al Comune di Firenze di mettere al centro le politiche giovanili come politiche di sviluppo e coesione sociale per l'intera città metropolitana; veicolare le politiche giovanili verso un nuovo modello di welfare; orientare l'innovazione delle politiche giovanili verso lo sviluppo locale nel suo complesso. Attraverso la promozione delle opportunità di lavoro e di formazione lo scorso anno 110 utenti hanno frequentato stage o sono stati inseriti nel mondo del lavoro, mentre 185 sono coloro che hanno intrapreso percorsi formativi e professionali. E poi c'è il futuro. Tra le iniziative è prevista con la realizzazione di un graffito artistico proprio nel centro storico, che fa parte del progetto "Muri vivi" dedicato alla street art: "Un'opportunità per i giovani - ha ricordato l'assessore Lastri -di esprimere la creatività e dare risalto ad una forma di arte contemporanea.” Dopo le esperienze sui Viali sarà il lungo muro di via Alfani ad ospitare una delle forme artistiche più vicine ai giovani. Creatività che è stata promossa anche attraverso il Forum Giovani che ha messo assieme associazionismo di tutti i settori (sport, cultura, arte, etc) per dare vita ad un dibattito che è partito dal punto di vista dei giovani per restituire un idea di nuova città. E come ultimissimo tassello, il convegno su "Creatività e sviluppo locale", che si è tenuto a dicembre. "È stato un confronto fra ciò che la comunità locale può fare per la gioventù - ha sottolineato l'assessore Daniela Lastri- ma anche su ciò che la gioventù può fare per la comunità locale, in modo da aumentare le opportunità che Firenze offre nel perseguimento delle loro aspirazioni e dei loro progetti di vita".