Home > Webzine > Middle East Now ''New Generation'': Cinema, Giovani, Musica, Storie dal Medio Oriente
venerdì 22 novembre 2019

Middle East Now ''New Generation'': Cinema, Giovani, Musica, Storie dal Medio Oriente

27-07-2016

Mercoledì 27 luglio, dalle ore 21.30, torna il cinema indipendente sotto le stelle ad ingresso gratuito all'Off Bar di Firenze, in questo nuovo appuntamento saranno ospiti gli amici di Middle East Now e il loro progetto cinematografico estivo: Middle East Now / New Generation, la rassegna di cinema ed eventi organizzata da Map of Creation in occasione dell’Estate Fiorentina 2016.
Una selezione di film, documentari e cortometraggi che hanno come filo conduttore i giovani, sia dietro che davanti la macchina da presa, che rappresentano oggi in Medio Oriente un fenomeno demografico importante e una componente fortemente innovativa, dinamica e creativa della società.
Una nuova generazione, un nuovo modo di fare cultura che fa della creatività lo strumento per creare i cittadini di domani. In questa serata con uno speciale focus su Iran, Turchia, Giordania e Siria.

Ecco i cortometraggi in programma:

-Talk Radio Tehran di Mahtab Mansour (Iran, Francia, Italia, 2015, 38')
Al ritmo di un "talk radio", tre energetiche donne iraniane – una pilota di rally, una donna pompiere e una autista di bus - sfidano gli stereotipi, in questo viaggio dall'alba al tramonto sulle strade di Teheran.

-Tuesday di Ziya Demirel (Turchia, Francia, 2015, 12')
Un normale giorno di scuola per una ragazzina adolescente di Istanbul. e tre incontri che fa nel tragitto verso scuola, mentre gioca a basket e quando sale sull’autobus. Un lavoro d’osservazione sugli uomini che credono indiscutibilmente di avere potere sullo spazio personale di una donna.

-Another Kind of Girl di Khaldiya Jibawi (Giordania, 2015, 10’)
Il primo film fatto da un rifugiato siriano. La regista è Khaldiya, una ragazzina di 17 anni, che riflette su come la vita nel campo profughi le abbia aperto nuovi orizzonti e dato un coraggio che in Siria non aveva.

-Blue di Abo Ghabi (Siria, 2015, 12')
In un luogo dove non sembra ci sia un domani - nel campo profughi palestinese di Yarmouk in Siria, sotto assedio da oltre 450 giorni - la musica, diversamente dall’acqua e dall’elettricità, continua a fluire ininterrottamente da un pianoforte malridotto.

A seguire selezione musicale di colonne sonore.

Informazioni: www.offbar.it