Home > Webzine > Dalla Svezia all'Etiopia per salvare vite: ''Il chirurgo ribelle'' proiettato al Cinema Stensen
martedì 12 novembre 2019

Dalla Svezia all'Etiopia per salvare vite: ''Il chirurgo ribelle'' proiettato al Cinema Stensen

13-11-2017
Il film svedese di Erik Gandini "Il chirurgo ribelle" sarà proiettato, in lingua originale e con sottotitoli in italiano, lunedì 13 Novembre alle ore 20.30 al Cinema Stensen di viale Don Minzoni 25.

La pellicola di Gandini narra la storia della fuga in Africa di un chirurgo svedese. Stanco della burocrazia del suo Paese, dopo trent'anni di lavoro in Svezia, il medico decide di partire alla volta dell'Africa, e sceglie come destinazione l'Etiopia, uno dei Paesi più poveri del continente africano. La scelta radicale fa compiere al chirurgo un cambiamento radicale. Non disponendo più dei mezzi, delle facilitazioni e dell'efficienza svedesi, egli fa fronte alle precarietà tecniche etiopi con un rinnovato spirito di servizio, con una passione che si stava perdendo in Svezia. Nella miseria, che in Etiopia non risparmia certo neanche gli ospedali, il medico sa che dovrà contare quasi esclusivamente sulle sue capacità mediche ed empatiche nella cura del paziente. Fondamentale è quindi nel film l'aspetto umano e come i rapporti interpersonali cambiano dalla Svezia all'Etiopia: da una maggiore freddezza si passa dunque a un coinvolgimento più forte del medico, che in primis è Uomo. Non secondario è il tema della cooperazione internazionale, nello specifico in campo sanitario, che pone il problema di come riuscire a garantire anche ai Paesi più poveri una adeguata, efficiente e moderna assistenza sanitaria. Uscito in Svezia nel 2006, il film è stato fonte di ispirazione per un altro lavoro di Erik Gandini: "La teoria svedese dell'amore", che ha ricevuto gli apprezzamenti sia della critica che del pubblico.

Legata ai temi trattati dal mediometraggio, di durata pari a 53 minuti, è la partecipazione alla proiezione dei volontari e dei medici dell'associazione Medici con l'Africa CUAMM. L'associazione è un'organizzazione non governativa che si occupa di fornire assistenza medico/sanitaria ad alcuni Paesi africani con l'intento anche di affermare il diritto fondamentale alla salute per tutti. Assieme ai volontari e ai medici di CUAMM, alla serata sarà presente anche Maria Josè Caldes, direttirce del Centro della Salute Globale della Regione Toscana. 

Il film "Il chirurgo ribelle" sarà proiettato anche alle ore 18 e alle ore 19, ed il costo di ingresso è di 8 euro.

Info: www.stensen.org 

GC