Home > Webzine > ''La tartaruga rossa'' di Michaël Dudok de Wit dello Studio Ghibli allo Spazio Alfieri
giovedì 14 novembre 2019

''La tartaruga rossa'' di Michaël Dudok de Wit dello Studio Ghibli allo Spazio Alfieri

15-12-2017
Spazio Alfieri (via dell'Ulivo, 6) da venerdì 15 a domenica 17 dicembre, ore 15.30, propone la proiezione del film animato 'La tartaruga rossa', presentato nelle sale italiane in primavera, già candidato agli Oscar 2017. Firmato da Michaël Dudok de Wit e prodotto dallo studio giapponese Ghibli, racconta di un incontro molto particolare, fra un naufrago e una tartaruga, una storia che ha commosso il mondo. Affronta temi larghissimi: morte, natura, amore, senza fornire risposte né spiegazioni certe. Proprio per questo è ancor più coinvolgente e stimolante, per gli adulti ma anche per i bambini. Completamente senza dialoghi, la musica di Laurent Perez del Mar diventa fondamentale, animato a mano con acquerello e carboncino, ‘La tartaruga rossa’ respira con la natura e parla la sua lingua.

I film animati di Michaël Dudok de Wit non hanno bisogno di parole. Lo hanno dimostrato gioielli come The Monk and the Fish, 'll monaco e il pesce', una danza a due, tratto a matita come in una partitura musicale, e Father and Daughter, 'Padre e figlia', struggente ricordo di una figlia per il padre premiato con l’Oscar nel 2001. Presentato alla sezione Un Certain Regard all’ultimo Festival di Cannes, La tartaruga rossa è entrato nella cinquina degli Oscar (battuto dal favorito Zootropolis).

Scampato a una tempesta tropicale e spiaggiato su un’isola deserta, un uomo si organizza per la sopravvivenza. Sotto lo sguardo curioso di granchi insabbiati esplora l’isola alla ricerca di qualcuno e di qualcosa. Qualcosa che gli permetta di rimettersi in mare. Favorito dalla vegetazione rigogliosa costruisce una zattera, una, due, tre volte. Ma i suoi molteplici tentativi sono costantemente impediti da una forza sotto marina e misteriosa che lo rovescia in mare. A sabotarlo è un’enorme tartaruga rossa contro cui sfoga la frustrazione della solitudine e da cui riceve consolazione alla solitudine.

Ingresso euro 7,00; soci UniCoop Firenze euro 6,00

Info: tel. 055 5320840 -  www.spazioalfieri.it