Home > Webzine > Ultima giornata di preselezioni per la 5° edizione di Firenze FilmCorti Festival
mercoledì 20 novembre 2019

Ultima giornata di preselezioni per la 5° edizione di Firenze FilmCorti Festival

27-04-2018

Undicesima ed ultima giornata di pre-selezioni in vista delle finali del 5° Firenze FilmCorti Festival  venerdì 27 aprile dalle ore 17.00 in poi presso ZAP (Zona Aromatica Protetta) in vicolo S. Maria Maggiore, 1. Quest’ultima giornata avrà caratteristiche diverse da quelle precedenti, infatti il programma è stato arricchito con un gruppo di film di carattere innovativo e sperimentale. Si tratta di un filone di film spesso trascurato nella distribuzione e a volte non sufficientemente tenuto in considerazione, eppure i cultori del cinema sperimentale e di avanguardia, che risale nelle sue origini agli anni ’30, sono numerosissimi e gli autori che hanno dato vita ad opere di grande rilievo negli ultimi decenni del secolo scorso hanno fatto scuola, a partire dal newyorchese New American Cinema, di cui hanno fatto parte John Cassavetes e Jonas Mekas, fino ad arrivare ad Andy Warhol e al folto gruppo di artisti che ha ruotato attorno a lui.

Fino ad oggi il cinema sperimentale e di avanguardia ha dimostrato una eccezionale vitalità ed ad uno spaccato di tale vitalità  assisteremo venerdì 27 aprile coi film corti Egomorphosis, Peacock, Ra Menada, Satyagrapha, Soulcash e Sunday lovers, di autori provenienti dalla Lettonia, dalla Germania, dalla Svizzera, dall’Italia. Ricordiamo che il 5° FFF dedicherà un’intera giornata al cinema sperimentale e di avanguardia il 20 ottobre e sarà veramente un appuntamento da non perdere. Nella  giornata di domani saranno proiettati anche altri film di grande interesse. Segnaliamo il pluripremiato film australiano Whoever was using this bed, The red tree-L’albero rosso, il film del regista irlandese Paul Rowley  che ci riporta al periodo fascista nel quale gli indesiderati del regime, tra i quali gli omosessuali,  venivano portati al confino, A ferry tale del regista turco Mehmet Tığlı, gli italiani Ancora una volta di Roberto Maria Nesci e Senza corpo di Stefano Cioffi  e infine 13 seconds dell’iraniano Milad Tangshir, che ci porta nel cuore del devastante terremoto in Iran del 2007, sulle cui conseguenze si è cimentato anche il grande Kiarostami.

Ecco il programma completo dei film in programma:

– 13 seconds di Milad Tangshir (Iran 2018) – min. 11.00
– A ferry tale di Mehmet Tığlı (Tur. 2018) – min. 19.14
– Ancora una volta di Roberto Maria Nesci (IT 2017) min. 06.11
– Dum Dum Dumroo di Dark Brew (India 2018) min. 11.15
– Egomorphosis di Elina Maligina (Lett. 2017) min. 15.00
– Peacock di Sinam Kemal (Pol. 2017) min. 14.00
– Ra Menada di Alice Angeletti (Ger./IT 2017) min. 09.00
– Reindeer Herder’s Dreams di Viktor Lysenko (Rus. 2018) min. 12,53
– Satyagraha di Nuanda Sheridan (IT 2017) min. 28,00
– Se tu scrivi una canzone di Katia Viscogliosi e F. Magnenot (FR. 2018) min. 35
– Senza corpo di Stefano Cioffi (IT 2018) – min. 16
– Soulcash di Elīna Maligina (Lett. 2017) min. 15.00
– Sunday lovers di Jannik Giger & Gregor Brändli (Sviz. 2017) min. 12.00
– The red tree/L’albero rosso di Paul Rowley (Eire/IT 2018) – min. 20.00
– Whoever Was Using This Bed di Andrew Kotatko (Aus.lia 2016) – min. 20

Info: https://firenzefilmcortifestival.com/